Home Milan News TOP & FLOP – Milan-Verona 1-1: bene Romagnoli, Theo sbaglia tanto

TOP & FLOP – Milan-Verona 1-1: bene Romagnoli, Theo sbaglia tanto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:51
Theo Hernandez
Theo Hernandez (©Getty Images)

Solamente un pareggio per 1-1 ieri in Milan-Verona. A San Siro c’era grande attesa per la partita che avrebbe potuto portare i rossoneri a -5 dalla zona Champions League. Purtroppo non c’è stata la vittoria auspicata.

La squadra di Stefano Pioli aveva parecchie assenze, su tutte quelle di Ismael Bennacer e Zlatan Ibrahimovic, e non è riuscita ad avere la meglio sui veneti nonostante la superiorità numerica dal 68′. Prima dell’espulsione di Amrabat, erano stati comunque i ragazzi di Ivan Juric ad avere più occasioni: due pali clamorosi colpiti da Matteo Pessina e Mattia Zaccagni. Nel finale ne ha centrato uno anche il numero 7 milanista Samu Castillejo.

Milan-Verona 1-1: top & flop rossoneri

TOP

Romagnoli: il capitano del Milan si comporta bene nonostante i pericoli creati dai giocatori offensivi dell’Hellas Verona. Compie diverse chiusure importanti anche per mettere delle pezze alle mancanze dei compagni.

Calhanoglu: schierato nell’insolito ruolo di playmaker di centrocampo, il turco nel complesso non ha giocato male. L’assenza di Bennacer comunque si è sentita, però il numero 10 rossonero si è impegnato per sostituirlo al meglio. Sua la punizione dell’1-1. Per giocare in mezzo avrebbe bisogno di maggiore supporto quando di fronte ci sono avversari arrembanti come quelli di domenica.

FLOP

Calabria: dalla sua parte Lazovic fa quello vuole. Purtroppo Davide non è sufficientemente aiutato da Castillejo, però a volte anche il terzino rossonero avrebbe dovuto fare meglio. Nel secondo tempo cresce soprattutto nella spinta offensiva, però la sua prova rimane negativa.

Theo Hernandez: prestazione sottotono per colui che finora è stato probabilmente il migliore del Milan in stagione. Ha sulla coscienza il gol di Faraoni che porta in vantaggio il Verona. Soffre un po’ sulla sua fascia e commette qualche errore di troppo. Nel primo tempo ha anche un’occasione per segnare, però preferisce servire un assist sbagliando. L’ex Real Madrid certamente si rifarà.

Rafael Leao: praticamente mai pericoloso. Non è sceso in campo con il giusto atteggiamento e non ha inciso. Da un giovane con il suo potenziale ci si attende decisamente di più.

Chi è Ralf Rangnick, dirigente allenatore che Elliott vuole al Milan