Home Milan News Inter-Milan, derby da un miliardo di euro: rose a confronto 

Inter-Milan, derby da un miliardo di euro: rose a confronto 

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:54

Inter-Milan, derby prezioso: come evidenzia il CorSera oggi in edicola, le rose di entrambe le squadre valgono un quinto dell’intera Serie A. 

Rebic Ibrahimovic Rafael Leao
Ante Rebic, Zlatan Ibrahimovic e Rafael Leao (©Getty Images)

Inter-Milan, partita da oltre un miliardo di euro. Come infatti evidenzia il Corriere della Sera oggi in edicola, è questo il dato complessivo delle due rose a confronto: 683 milioni di euro per i nerazzurri, 400 per i rossoneri.

Si tratta rispettivamente del terzo e quinto organico dell’intera Serie A. Al primo posto c’è la Juventus con un capitale umano di 760 milioni, segue il Napoli a 688 e poi appunto la squadra di Antonio Conte. Subito sotto il podio c’è la Roma a 440, poi il Diavolo di Stefano Pioli.

Un miliardo di euro è anche un quinto del valore dell’intera Serie A, il che la dice lunga sui valori in campo. Un match non decisivo ma cruciale: chi si ferma – evidenzia il quotidiano – non è perduto ma sicuramente passa un brutto guaio. Sarebbe infatti una tremenda battuta d’arresto alle rispettive ambizioni, mentre vincere il derby offrirebbe dall’altra parte un’energia pazzesca in vista del prosieguo.

E’ chiaro che l’Inter parte favorita domani sera, sia per la distanza in classifica che per la differenza delle rose. Ma la distanza – aggiunge il CorSera – è anche nella struttura nei club oltre che nelle specifiche squadre. Tra le due parti, infatti, esiste un divario record per quanto riguarda i fatturati: 365 milioni per l’Inter, 206 per il Milan e uno scarto scioccante di 159 milioni nella stagione 2018/19.

Non c’è da sorprendersi, dunque, se di quel famoso miliardo in realtà l’Inter ne vale praticamente due terzi. Per i rossoneri sono soprattutto due giocatori a far impennare i valori: Gianluigi Donnarumma, tornato a valere 70 milioni di euro, e Theo Hernandez, il cui cartellino è passati da 20 a 50 milioni in soli sei mesi.

Kaká: “Paquetá, serve fiducia. Vorrei tornare al Milan, ma è presto”