Home Milan News Kaká: “Paquetá, serve fiducia. Vorrei tornare al Milan, ma è presto” 

Kaká: “Paquetá, serve fiducia. Vorrei tornare al Milan, ma è presto” 

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:26

Milan, parla Ricardo Kaká. In vista del derby di domani sera, l’ex pallone d’oro rossonero ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport tra derby e non solo. 

Ricardo Kakà
Ricardo Kakà (©Getty Images)

Inter-Milan, parola a Ricardo Kaká. Protagonista di innumerevoli e storiche stracittadine, l’ex pallone d’oro rossonero ha parlato del match di domani e non solo ai microfoni de La Gazzetta dello Sport.

Uno degli argomenti di discussione, per esempio, è il mistero relativo a Lucas Paquetá. L’ex calciatore ne parla così: “Deve trovare fiducia in se stesso. L’anno scorso è andato bene, ma il secondo anno si fa fatica, lo so per esperienza. Gli altri cominciano a capirti, è più difficile. Deve considerare le sue qualità, in una squadra forte può essere un giocatore importante”. 

Ma non si può parlare di ‘troppo brasiliano’: “Beh, se uno prende un brasiliano deve sapere che tipo di giocatore è. Paquetà si deve adattare un po’ al calcio italiano, ma non deve perdere la sua identità calcistica. Deve restare creativo, perché questi siamo noi, ma deve anche essere pratico: se fa un doppio passo, deve farlo verso la porta. Se tenta il dribbling, deve avere una qualche utilità”. 

Capitolo derby. Il Diavolo ci arriva con sei risultati utili consecutivi, di cui cinque vittorie prima del pareggio col Verona, ma con un distacco di 19 punti dai cugini. Nonostante tutto, è fiducioso Kaká: “Prevedo un derby che consenta al Milan di svoltare davvero. Una partite del genere può dare una grande spinta: San Siro è uno spettacolo meraviglioso”. 

Oggi, intanto, è tutt’altro Milan rispetto al suo: “Le epoche cambiano, ci sono stati tanti problemi economici e di gestione. Il momento è adesso: Inter e Milan sono squadre storiche, Milano è una città bellissima, l’Italia è un paese meraviglioso. Mi fa tristezza non ritrovare le milanesi negli ottavi o nei quarti di Champions League. Credo che si debba riavviare un circolo virtuoso: con la Champions incassi, puoi ingaggiare grandi giocatori e tornare in alto”. 

Infine, sul suo ritorno in rossonero paventato un anno fa, Kaká si esprime così: “La voglia di tornare è tanta, il tempo non è quello giusto. Mi piacerebbe lavorare con Maldini e Boban, aiutare il club, imparare soprattutto, però non è il momento di lasciare il Brasile. Per ora mi accontento di seguire il derby da lontano”. 

Milan, Ibrahimovic ci sarà. E Pioli valuta il 4-2-3-1