Home Milan News Milan, incognita Pioli: senza rimonta Champions sarà addio

Milan, incognita Pioli: senza rimonta Champions sarà addio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:21

Milan, ora il futuro di Stefano Pioli è ancor più in bilico: come rivela La Gazzetta dello Sport, senza una disperata rimonta Champions sarà addio per il tecnico rossonero. 

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©Getty Images)

Milan, la sconfitta nel derby ora si ripercuote anche sul futuro già in bilico di Stefano Pioli. Come infatti riferisce La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, i dieci punti di distanza dalla zona Champions adesso sono quasi una sentenza per il tecnico emiliano.

Così, a oggi, Elliott Management Corporation va dritto verso una non conferma dell’allenatore. Il quale ha sicuramente i meriti di aver risollevato una squadra in ginocchio, ma non fino al punto di svoltare. Al tecnico, piuttosto, viene recriminata la troppa discontinuità in questo suo percorso, col punto più basso toccato a Bergamo e il più alto raggiunto nelle recenti tre vittorie in campionato più due in Coppa Italia.

Tuttavia non basta. Anche perché al di là del recente sprint, Pioli in rossonero ha vinto soltanto 8 volte perdendone e pareggiandone 5. E con un gioco che non è mai balzato agli occhi e con i goal fatti, 26, appena superiore a quelli subiti, ovvero 24.

Poi per motivi di bilancio e non solo, serve disperatamente l’Europa che conta per rilanciarsi prepotentemente. Dunque in due mesi e mezzo servirebbe una rimonta, o meglio un’impresa, altrimenti sarà addio. Inoltre il risultato del derby ha confermato la fragilità della squadra e ha aumentato la distanza dal quarto posto.

Giovedì intanto c’è la semifinale di Coppa Italia contro la Juventus, sollevare un trofeo potrebbe spostare gli equilibri ma non è nemmeno così detto. Al Diavolo, infatti, attualmente servono i ricavi più che la gloria. Quindi anche un’eventuale vittoria finale potrebbe non essere sufficiente, malgrado una qualificazione diretta in Europa League. L’Olimpo del calcio: è lì, piuttosto, che Elliott vuole arrivare.

Milan, indicazioni positive dal nuovo modulo: Calhanoglu meglio centrale