Home Milan News Milan, le condizioni di Calhanoglu, Kjaer e Musacchio

Milan, le condizioni di Calhanoglu, Kjaer e Musacchio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:48

Infermeria Milan: le ultime su Hakan Calhanoglu, Simon Kjaer e Mateo Musacchio in vista della trasferta dell’Artemio Franchi. Ecco le condizioni del trio rossonero. 

Calhanoglu Musacchio Castillejo AC MILAN
Hakan Calhanoglu, Mateo Musacchio e Castillejo (©Getty Images)

Milan, torna ad affollarsi l’infermeria rossonera. Hakan Calhanoglu, Simon Kjaer e Mateo Musacchio: nel momento meno adatto in assoluto, il Diavolo perde tre pezzi importantissimi per questa entusiasmante rimonta rossonera.

All’acciaccato numero 10 rossonero, fermatosi nella rifinitura di Milan-Torino, si aggiungono anche i due difensori centrali usciti malconci nel posticipo di lunedì sera.

Il turco ha rimediato un infortunio all’ileopsoas destro, il quale non è considerato particolarmente grave ed è per questo che si il giocatore sta provando ad affrettare i tempi. Se non dovesse essere arruolabile per la trasferta di Firenze, a quel punto – diversamente da alcuni rumors emersi ieri – dovrebbe comunque esserci per la semifinale di Coppa Italia del prossimo 4 marzo.

Per quanto riguarda invece il reparto arretrato, l’ottima prestazione di Matteo Gabbia è già confortante di base al netto degli sviluppi delle prossime ore. Ma il fastidio di Musacchio – rivela il quotidiano – dovrebbe essere risolvibile in tempistiche contenute.

L’argentino ha del resto accusato solo una contrattura al polpaccio destro, nulla di veramente allarmante e oggi è in programma una nuova valutazione clinico-strumentale. Non è esclusa, quindi, una sua presenza all’Artemio Franchi.

E’ invece più delicata la questione relativa a Kjaer. Per il danese si tratta infatti di un problema ai flessori della coscia sinistra e oggi effettuerà una risonanza magnetica. Il verdetto arriverà dunque solo nelle prossime ore, ma al momento appare piuttosto incerta la sua presenza a Firenze dati i tempi ravvicinati.

Ibrahimovic e la rabbia post Milan-Torino: i motivi