Tuttosport – Zaracho sogna il Milan: col Racing ballano 10 milioni

Matias Zaracho sogna di giocare con la maglia del Milan, ma la trattativa deve ancora decollare. Il Racing Avellaneda ha fissato il prezzo del cartellino.

Zaracho Matias
Matias Zaracho (©Getty Images)

Matias Zaracho potrebbe essere uno dei colpi del Milan nel prossimo calciomercato estivo. Da mesi si parla dell’interesse rossonero per il fantasista in forza al Racing Avellaneda.

Il 21enne talento argentino ha già detto sì all’idea di un trasferimento a Milano. I contatti con il suo agente Augustin Jimenez, avvistato più volte a Casa Milan, sono stati avviati da tempo. Il noto procuratore si occupa anche di altri giocatori che piacciono al club, ad esempio Angel Correa dell’Atletico Madrid e Rodrigo de Paul dell’Udinese.

Leggi anche -> Ibrahimovic vuole rinforzi: il Milan prepara rinnovo e piano di acquisti

Calciomercato Milan, Zaracho vestirà rossonero?

Oggi il quotidiano sportivo Tuttosport spiega che Zaracho ha dato la propria parola al Milan, che però ha parlato solamente con l’entourage e non con il Racing Avellaneda. Non è ancora chiaro se il management sportivo rossonero rimarrà quello attuale oppure se ci saranno cambiamenti a fine stagione. Pertanto oggi è difficile portare avanti una trattativa senza certezze su questo aspetto fondamentale.

Il Racing Avellaneda valuta Zaracho 25 milioni di euro trattabili, 10 in più rispetto a quelli che avrebbe offerto il Milan a gennaio. Infatti, secondo alcuni rumors circolati, nell’ultimo mercato invernale il Diavolo si è fatto avanti mettendo sul piatto tale cifra. Troppo bassa per il club argentino, che pretende di più e potrebbe anche provare a inserire una clausola che preveda una percentuale sulla futura rivendita.

Zaracho è un talento molto interessante, in Argentina gode di ottima considerazione e più squadre europee lo stanno seguendo. Si tratta di un giocatore molto duttile: sa giocare trequartista, esterno offensivo o mezzala. In questa stagione ha collezionato 17 presenze, 4 gol e un assist.

Leggi anche -> Van Basten: “Sacchi disonesto nei rapporti. Ibrahimovic mi provocò”