Sky – Milan, rottura fra dirigenti: la reazione di Elliott

Peppe Di Stefano, giornalista di Sky Sport, ha parlato del momento difficile del Milan, che deve preparare una partita importante, contro la Juve, in un clima non proprio sereno.

Gordon Singer Paolo Scaroni
Gordon Singer e Paolo Scaroni a San Siro

Clima non proprio sereno in casa Milan. BobanMaldini da una parte, Gazidis dall’altra sembrano vivere da veri separati. Le ultime dichiarazioni hanno messo su piazza i problemi del club, che deve cercare comunque di portare al termine una stagione che da qui alla fine rischia di essere ancor più complicata.

Mercoledì si va a Torino, per sfidare la Juventus per la semifinale di ritorno, in un match che potrebbe salvare la stagione. In merito al momento che sta vivendo tutto il Milan ha parlato, intervenendo a ‘Sky Sport’, il giornalista Peppe Di Stefano: “In un momento tutto sommato positivo con l’arrivo di Ibrahimovic, le buone prestazioni e con una squadra capace di rialzare la testa, la somma di tutto questo non porta comunque ad un entusiasmo in vista della Juventus perché le frizioni tra i dirigenti rossoneri sono state esternate prima da Gazidis e poi da Boban.

Due parti che non hanno mai trovato un’intesa societaria e questo malcontento è stato messo in piazza attraverso le dichiarazioni dei due dirigenti e probabilmente l’invasione dell’Ad sudafricano nella parte sportiva parlando dell’allenatore Rangnick ha creato distanza tra l’ex Arsenal e il duo Boban-Maldini”.

LEGGI ANCHE: GAZZETTA – MILAN, TAGLIO NETTO AGLI INGAGGI: GAZIDIS IMPORRA’ TETTO SALARIALE

Situazione difficile

Paul Singer Elliott
Paul Singer (foto Bloomberg.com)

Difficile che le parti trovino un’intesa, serve comunque l’intervento di Elliott: “Ricomporre la situazione è difficile – prosegue Di Stefano – perché quando si scende in piazza e non si riesce a parlare nonostante gli uffici siano vicini è segno di una situazione complicata. Si aspetta un intervento di Elliott che non ha parlato in quanto momentaneamente molto deluso dalla situazione che si è creata”.

LEGGI ANCHE: MILAN SENTI BONAN: “RANGNICK? NON HA SENSO PARLARNE ADESSO”