Milan, la sfida di Gazidis: rinascita, ricavi e intesa UEFA

Milan, Ivan Gazidis apre alla rivoluzione. Ora l’Ad avrà una tripla sfida: rinascita tecnica del Diavolo, aumentare i ricavi della società e raggiungere un’intesa con l’UEFA. 

Ivan Gazidis Milan
Ivan Gazidis (©Getty Images)

Un Milan dall’ampio respiro internazionale, è questo il progetto dell’Ad Ivan Gazidis per il Diavolo del domani. La rivoluzione è ormai avviata con l’addio ormai prossimo di Zvonimir Boban e si completerà a fine stagione con gli addii successivi di Paolo Maldini, Frederic Massara e Stefano Pioli.

Nomi che verranno tutti sostituiti da profili stranieri, con Ralf Rangnick al centro di questo nuovo universo rossonero. Ma Gazidis – evidenzia Tuttosport – avrà anche due compiti ardui parallelamente alla rinascita tecnica della squadra: aumentarne i ricavi e trovare una quadra anche per quanto riguarda la UEFA.

Milan, le sfide di Gazidis

Per quanto riguarda il primo aspetto, serve una scossa quanto prima. Arrivato in rossonero come una sorta di mago nell’aumentare i guadagni, a oggi si registra sempre un’oggettiva difficoltà sull’argomento.

Il Milan costa circa 10 milioni al mese alla proprietà, ed è per questo che in estate ci saranno ulteriori tagli dei costi del personale con il monte ingaggi che oscillerà tra i 2 e i 2.5 milioni di euro.

Difficilmente questo verrà superato, e se avverrà sarà solo per poche e rare eccezioni ritenute valide. Il tutto, nel frattempo, senza dimenticare la questione stadio che la società vorrebbe definire quanto prima.

Per quanto riguarda invece la questione politica, l’obiettivo è il Settlement Agreement con l’organo europeo. L’esclusione dall’Europa League, avvenuta nella scorsa estate, ha messo il club nella condizione di poter operare con maggior tranquillità ma ancora non basta.

I rossoneri puntano a un percorso meno restrittivo del precedente, ma per riuscirci la traiettoria dovrà continuare a essere virtuosa e fatta di acquisti giusti sul mercato. La discussione sul Settlement Agreement, poi, avverrà solo quando il Milan tornerà a qualificarsi in una competizione UEFA. Anche e soprattutto Gazidis dovrà portare risultati in tempi stretti.

LEGGI ANCHE: MILAN-GENOA, DONNARUMMA DA’ FORFAIT: LE CONDIZIONI