Schede e dieta: così Pioli coordina a distanza il Milan 

Milan, ecco come Stefano Pioli sta coordinando la squadra a distanza in questo periodo. I rossoneri hanno indicazioni ben precise per questi giorni e il tecnico non vuole sorprese. 

Stefano Pioli

Milan, coordinamento a distanza di Stefano Pioli in questo periodo di isolamento. Ma sempre a modo suo, senza braccare i suoi giocatori ma anzi col suo classico stile. Come infatti riferisce La Gazzetta dello Sport, l’allenatore non si sta impegnando con telefonate infinite e video per controllare i suoi calciatori.

Il mister, piuttosto, coordina più semplicemente con un messaggio vocale a inizio della settimana dove imposta schede basati su alcuni criteri base. Ovvero sedute di forza, corsa e mantenimento dell’equilibrio muscolare, esercizi a terra e un po’ di cyclette.

Ciascuno ha la sua scheda e deve seguirla, ma non ci sono cani da guardia telematici per valutare il rendimento. Pioli si fida.

LEGGI ANCHE: NASCE IL NUOVO MILAN: ECCO LA FORMAZIONE

Per quanto riguarda l’alimentazione invece, il piano era pronto da tempo con delle schede preparate dal nutrizionista Francesco Avaldi e dal suo staff. Il Milan non prepara pasti, anche perché tutta l’attività è ormai bloccata da giorni e i dipendenti sono a casa.

Ai giocatori, piuttosto, erano state assegnate linee da rispettare da prima e sono state precisate adesso. Con gli allenamenti a casa, i fabbisogni calorici sono stati rimodulati. Raccomandato il consumo di verdura e frutta per vitamine, sali minerali, acqua sono fondamentali. Sconsigliato invece il consumo di cibi elaborati e cancellato il giorno off, cioè libero.

Prevenire è meglio di dimagrire: è questo il must della Milanello virtuale e i giocatori stanno rispondendo da pattuglia disciplinata. Pioli si fida della professionalità del suo gruppo, lo ha detto sin dal principio e lo ribadisce a gran voce adesso.

Non si richiedono strumenti particolari per lavorare, soltanto la costanza che un professionista è obbligato a mettere nei suoi comportamenti e nella cura del fisico. Poi prima o poi tutto finirà e ci si rivedrà al quartiere generale come ogni giorno.

LEGGI ANCHE: MILAN, IBRAHIMOVIC PUO’ SPIAZZARE TUTTI