Champions 1994, Massaro: “Barcellona arrogante, avevamo rabbia”

Daniele Massaro ricorda il successo del Milan contro il Barcellona nella finale di Champions League 1994 ad Atene. Una vittoria che fece godere particolarmente la squadra rossonera.

Daniele Massaro Milan Barcellona
Daniele Massaro (©Getty Images)

Daniele Massaro è stato un grande protagonista della finale di Champions League 1994 vinta dal Milan per 4-0 contro il Barcellona. Una serata magica ad Atene per i colori rossoneri.

L’allora centravanti segnò due gol in quella partita rimasta storica. Una bella doppietta nel primo tempo che fece abbassare la cresta a un Barça molto spavaldo alla vigilia del match. Infatti, l’allenatore blaugrana Johan Cruijff aveva già posato con il trofeo e fatto dichiarazioni che lasciavano intendere la vittoria della sua squadra.

Massaro, intervistato dal quotidiano Tuttosport, ha spiegato che l’atteggiamento di catalani spronò ulteriormente il Milan in vista della sfida: «Sentivamo e vedevamo tutto quello che facevano. Le dichiarazioni di Cruijff, le foto con la coppa, il loro modo di fare. Erano molto arroganti e ci rimasi anche male perché Johann era il mio idolo da piccolo. Avevamo tanta rabbia agonistica e ci abbiamo messo ancora più foga nella preparazione. Sentivamo il rumore del sudore che cadeva sull’erba».

L’ex attaccante rossonero ricorda che comunque andò dalla leggenda olandese nel pre-gara: «Gli chiesi l’autografo prima della partita, anche perché dopo la gara non sapevo se sarei riuscito a farlo. Rimaneva comunque il mio idolo. Da bimbo giocavo con il 14 e portavo i capelli come lui».

Il trionfo del Milan fu straordinario, considerando pure che mancavano Franco Baresi e Alessandro Costacurta. Fabio Capello schierò Filippo Galli e Paolo Maldini al centro della difesa, inserendo a sinistra Christian Panucci. Dopo Massaro, segnarono Dejan Savicevic e Marcel Desailly. Una serata magica.

LEGGI ANCHE -> IL MILAN PUNTA SU RAFAEL LEAO, MA SERVE UNA SVOLTA