Tuttosport – Milan, ipotesi tandem Pioli-Rangnick: i motivi

Milan, e se alla fine Stefano Pioli e Ralf Rangnick si riunissero invece che escludersi? Come riferisce Tuttosport oggi in edicola, ci sono vari motivi che renderebbero concreto tale scenario. 

Rangnick
Ralf Rangnick (©Getty Images)

Stefano Pioli e Ralf Rangnick insieme: è questa la pazza idea che Tuttosport continua a tenere in conto per il futuro del Milan. Come infatti evidenzia il quotidiano, al netto anche di alcune perplessità che filtrano, non è da escludere che il tedesco alla fine accetti la proposta come manager piuttosto che come allenatore.

Sia chiaro: Elliott lo vorrebbe vorrebbe sia come allenatore che gestore dell’area tecnica. Ma se alla fine accettasse solo il lato dirigenziale, probabilmente un compromesso lo si troverebbe comunque. E in quel caso scatterebbe proprio lo scenario ipotizzato: ovvero il 61enne dietro una scrivania coordinando anche il mercato, Pioli ancora a bordo campo.

Pioli e Rangnick insieme: i pro

La prima buona notizia, qualora andasse davvero così, sarebbe sul fronte economico. Con un contratto fino al 30 giugno 2021 come Marco Giampaolo, esonerare Pioli significherebbe per la proprietà pagare contemporaneamente ben tre allenatori. Non proprio il massimo in tempi di fair play finanziario.

Ci sarebbe inoltre un altro aspetto: confermando l’ex Fiorentina, si darebbe quel senso di continuità di cui la squadra avrebbe maledettamente bisogno dopo una serie di avvicendamenti continui in panchina. Inoltre Pioli è un tecnico aziendalista, il quale si accontenta di ciò che gli viene dato e difficilmente mette bocca sul mercato. Sarebbe mixabile, invece, una combo Rangnick-Spalletti?

Tuttavia, se Rangnick diventasse solo dirigente del Milan, bisognerebbe comunque monitorare attentamente la questione allenatore. Perché al netto di tutto, il tedesco, da capo dell’area sportiva, vorrebbe probabilmente affidare la squadra a qualche suo pupillo. Non è nemmeno da escludere, dunque, un suo fedelissimo per la panchina come già avvenne col Lipsia quando passò dal campo alla dirigenza.

LEGGI ANCHE: I GIOCATORI CHE VOTANO PIOLI PER LA PANCHINA