Home Calciomercato Milan Milan, suggestione Gotze. Ma l’ingaggio frena l’affare

Milan, suggestione Gotze. Ma l’ingaggio frena l’affare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:56

Milan, sarebbe il tedesco Mario Gotze l’ultimissima idea di mercato. In scadenza col Borussia Dortmund, il 27enne non rinnoverà e sarebbe una ghiotta occasione a parametro zero. Ma l’ingaggio frena. 

Mario Götze (©Getty Images)

Suggestione Mario Gotze per il Milan. Come rivelato ieri dal quotidiano Bild, sarebbe l’ex prodigio tedesco l’ultimissima idea per il mercato rossonero. Mai più ritrovatosi ai suoi veri livelli, il tedesco ha comunque ancora 27 anni e soprattutto sarà libero a parametro zero quest’estate.

Sarebbe una scommessa interessante per il Diavolo. Affare a impatto low-cost, non dovendo appunto acquistare il cartellino del giocatore, in piena linea con i parametri di Elliott ed è dotato di un’importante esperienza internazionale.

Milan-Gotze, la situazione

Il problema, riferisce il Corriere dello Sport oggi in edicola, è l’ingaggio da circa 7 milioni di euro e considerato giustamente elevato dai dirigenti di Via Aldo Rossi. Se l’attaccante di Memmingen dovesse dimezzarselo o anche più per abbracciare la causa milanista, allora l’affare potrebbe farsi davvero. Ma come riferisce il quotidiano, resta alla base un affare molto difficile per il Milan.

Al giocatore, però, non dispiacerebbe affatto un’avventura in Italia. Soprattutto a Milano dove la moglie lavora spesso come modella. Il capoluogo lombardo è infatti una città che i due conoscono bene e che hanno visitato più volte in passato. Meta, tra l’altro, che prima dell’avvento del coronavirus, era anche tra le opzioni più gettonate per il futuro.

Gotze, sul piano strettamente tecnico, sarebbe un jolly prezioso per il Milan e per il prossimo allenatore eventuale. Trequartista di nascita, il classe 92 può praticamente ricoprire tutti i ruoli offensivi di un poker offensivo. Può muoversi tra le linee stile Hakan Calhanoglu ma può agire anche sulla corsia mancina occupata quest’anno da Ante Rebic o sull’altra di competenza di Samuel Castillejo. In carriera, tuttavia, ha spesso agito anche da falso-9.

LEGGI ANCHE: MILAN, ELLIOTT RIPENSA A UNA VECCHIA FIAMMA