Tuttosport – Milan, cercasi un vice Hernandez: ritorna l’idea Robinson? 

Milan, sarà un vice di Theo Hernandez uno dei prossimi obiettivi estivi. Con Ricardo Rodriguez che non accetterebbe un ritorno e Diego Laxalt in uscita, potrebbe esserci una grossa sorpresa secondo Tuttosport. 

Antonee Robinson (©Getty Images)

Un vice di Theo Hernandez, sarà questa una delle certezze del prossimo mercato del Milan. E più che trovare un giocatore che gli somigli, il che sarebbe anche piuttosto difficile, bisognerà individuarne uno che accetterà l’inamovibile e ineluttabile gerarchia.

Perché con 6 gol all’attivo, il terzino goleador è oramai una pedina fondamentale del nuovo Diavolo e continuerà ad esserlo indipendentemente dal prossimo tecnico in panchina. Che sia Ralf Rangnick o qualcun altro, si ripartirà dall’ex Real Madrid che ha già raddoppiato il proprio cartellino rispetto a quell’investimento estivo da 20 milioni di euro. Dunque, al nuovo arrivato, resterebbero le briciole o poco altro.

Milan, ritorno di fiamma per Robinson?

Il punto, semmai, è trovare una riserva. Un’alternativa che accetti tale costante ma che al contempo sia all’altezza qualora sia chiamato in causa. Perché Ricardo Rodriguez, costretto a chiedere la cessione dopo l’exploit del francese, difficilmente tornerebbe in rossonero qualora il Psv Eindhoven non lo trattenesse. Così come Diego Laxalt, rientrato in anticipo da un Torino che difficilmente lo avrebbe riscattato, sarà messo nuovamente sul mercato.

La soluzione era stata anche trovata col prestito di Antonee Robinson, ma il problema cardiaco emerso alle visite mediche ha fatto saltare l’operazione e di conseguenza anche i piani del Milan. Ma se tutto dovesse tornare per il meglio – riferisce a sorpresa Tuttosport – non è escluso che il suo nome possa tornare in auge a Casa Milan.

Altrimenti occhio anche alle possibili sorprese dall’area scouting milanista, con un possibile giovane o giovanissimo all’orizzonte. Sarebbe probabilmente una soluzione adeguata: piuttosto che soffrirne la panchina, avrebbe modo di lavorare con un numero uno nel ruolo che lo stimolerebbe al contempo a dare sempre di più.

LEGGI ANCHE: LA PROVOCAZIONE DI SARRI AL MILAN