Crespo sul Milan: “Ancelotti geniale, sintonia con Berlusconi”

Il ricordo di Hernan Crespo della sua esperienza rossonera di qualche anno fa. Grandi complimenti per il suo vecchio mentore Ancelotti.

Hernan Crespo
Hernan Crespo (©Getty Images)

Il passaggio di Hernan Crespo al Milan è stato breve, ma molto intenso, visto che ha disputato da protagonista la finalissima di Champions League del 2005.

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Crespo ha ricordato l’esperienza rossonera. In particolare ha parlato molto bene del suo amico e vecchio mentore Carlo Ancelotti, che lo aveva guidato anche ai tempi di Parma.

Carletto è un genio, era in completa sintonia con Berlusconi – ha detto Crespo – Ha eseguito tatticamente tutto ciò che gli veniva chiesto dai ranghi alti della società”.

In particolare il bel gioco e alcune intuizioni tattiche furono alla base del suo successo: “Gli chiesero di esprimere una manovra elegante e Ancelotti si inventò Pirlo davanti alla difesa. Gli chiesero più trequartisti con piedi buoni e si inventò il modulo ad albero di Natale“.

Ricordi di un Milan che, nel primo decennio del nuovo millennio, ha fatto vedere cose egregie, allenato alla grande da Ancelotti.

LEGGI ANCHE -> ALBERTINI SVELA IL MOTIVO DELL’ADDIO AL MILAN