Milan-Ibrahimovic, futuro in stand-by: le ultime

Milan, futuro in stand-by per Zlatan Ibrahimovic. Come riporta La Gazzetta dello Sport, la stessa società riferisce di una decisione che verrà presa solo a fine stagione. Le ultimissime.  

zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Slitta il ritorno in città di Zlatan Ibrahimovic. Un rientro che rinvia non solo il rientro alla base, ma anche quel famoso (quando sarebbe stato possibile) faccia a faccia con Ivan Gazidis per il futuro slittato proprio a causa dell’emergenza coronavirus.

Perché a oggi il destino dello svedese resta un mistero. Non si conoscono del tutte le intenzioni dell’attaccante in fondo anche combattuto, ma soprattutto non è nota al 100% la posizione della società considerando la propria filosofia, la linea verde e un Ralf Rangnick abituato a giovani e non primedonne.

Milan, futuro in bilici per Ibrahimovic

Scenari che saranno più chiari solo dopo questo famoso confronto. Nel frattempo, da quel che filtra, il giocatore sembrerebbe aver depennato la possibilità di un ritiro. Non gli piacerebbe concludere così la sua carriera, non in questo modo e soprattutto in concomitanza con questa emergenza sanitaria.

Vorrebbe piuttosto un ultimissimo anno in rossonero. Gli piacerebbe salutare da eroe quale è riconosciuto, riportando il Diavolo in Champions League a sette anni dall’ultima volta. Ma chiederà garanzie per provarci. Ossia una squadra all’altezza e allestita a dovere per tale traguardo.

Nessuna richiesta folle, nessun sacrificio illogico. Ma rinforzi di esperienza, abituati a competere per certi obiettivi, così da plasmare una squadra che nel frattempo è già cresciuta parecchio dal suo arrivo a gennaio. Senza terremoti interni, sarebbero state queste le sue richieste ai suoi uomini di riferimento. Ma Zvonimir Boban non c’è più e rischia di saltare anche Paolo Maldini.

Incognita Rangnick e la versione della società

Dunque bisognerà capire se Ibra accetterà tale situazione. Ma più di tutto servirà capire cosa ne pensa Rangnick. Se aprirà a un’eccezione come fece con Raul, spagnolo all’epoca 34enne che guidò il suo Schalke 04 che nel 2011 arrivò in semifinale di Champions League, oppure vorrà voltare definitivamente pagina.

Al momento, come riferisce La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, Ibra non ha ricevuto alcuna proposta contrattuale. Preso atto che sono ovviamente da scartare le voci di una risoluzione anticipata del contratto, il tutto si deciderà solo a fine stagione. Ed è la stessa società – riporta il quotidiano – a riferire che ora come ora nulla potrà essere deciso prima che si concluda il campionato.

LE ULTIME: MILAN, STANZIATO IL BUDGET PER IL MERCATO ESTIVO