Bennacer, la valutazione schizza – Il Milan deve scegliere

La valutazione di Ismael Bennacer è schizzata alle stelle. L’algerino adesso costa davvero tanto e il Milan deve scegliere fra continuità o plusvalenza.

Bennacer, valutazioni aumentata: ecco quanto costa
Ismael Bennacer

Ismael Bennacer è una delle note più liete di questo Milan. Ci ha messo un po’ per carburare, ma è cresciuto partita dopo partita. Poco prima della sospensione, l’algerino era diventato un giocatore chiave per lo scacchiere rossonero.

Lo sarà anche l’anno prossimo?

I tifosi sperano di sì. Ma intanto il Paris SaintGermain si è detto interessato. Leonardo, che guarda sempre in Italia per il Calciomercato, gli ha messo gli occhi addosso. Insieme a Theo Hernandez e Donnarumma, è ormai diventato uno dei pezzi pregiati del Milan.

LEGGI ANCHE: BENNACER, THEO O DONNARUMMA: AL PSG HANNO DECISO

Quanto costa adesso Bennacer

Come sappiamo, il Coronavirus ha cambiato e cambierà molte cose. Anche il calcio, ovviamente. E il mercato. Infatti le valutazioni dei giocatori sono cambiate e il CIES, l’osservatorio del calcio, ha già fatto i conti.

Sul proprio sito infatti ha messo a disposizione un servizio che ti dà la possibilità di vedere qual è il valore di ogni calciatore delle prime cinque leghe europee. Molte sono cambiate in negativo, altre in positivo. E fra queste c’è proprio quella di Bennacer.

Secondo il CIES, quindi, il costo del cartellino dell’algerino si aggira fra i 30 e i 40 milioni di euro. Molto più rispetto ai 16 milioni pagati da Paolo Maldini l’estate scorsa per strapparlo all’Empoli. Un’ottima intuizione da parte del direttore tecnico rossonero, che ha voluto fortemente anche Theo Hernandez.

LEGGI ANCHE: PSG, PRONTA L’OFFERTA PER BENNACER

Milan, continuità o plusvalenza

Simon Kjaer e Ismael Bennacer (©Getty Images)

Appresa la situazione, ora il Milan è di fronte ad una scelta: dare continuità al progetto e puntare su Bennacer per il futuro, oppure cederlo e fare una plusvalenza straordinaria.

Se ragioniamo in ottica societaria, e quindi come vuole Elliott Management e Ivan Gazidis, il Milan dovrebbe optare per la seconda, ammesso che il PSG, o altre squadre interessate, siano disponibili a mettere sul piatto tale offerta.

La miglior soluzione però è quella di tenere Bennacer e farne un punto cardine per il nuovo progetto. Se nel caso di questa stagione è riuscito comunque a migliorare, figuriamoci se le cose dovessero andare meglio, con Rangnick o ancora Pioli in panchina.

L’algerino dovrebbe restare e continuare il suo processo di crescita. Se poi il suo valore aumenterà, e quindi anche le sue prestazioni, allora il Milan potrebbe prendere in considerazione anche l’idea di cederlo. Ma per adesso merita di restare.