Donnarumma-Milan, tre soluzioni per il futuro

Gianluigi Donnarumma vuole restare al Milan e il club rossonero punta al rinnovo del contratto. Ma non è detto che il matrimonio prosegua. Ecco i possibili scenari.

Donnarumma rinnovo o cessione
Gianluigi Donnarumma (©Getty Images)

I tifosi del Milan attendono di capire se Gianluigi Donnarumma resterà rinnovando oppure se verrà venduto. La scadenza contrattuale attuale fissata a giugno 2021 impone di prendere delle decisioni entro pochi mesi.

Oggi il quotidiano Tuttosport spiega le tre soluzioni per il futuro di Gigio e del club.

  1. Donnarumma resta e rinnova. Il portiere campano gradirebbe rimanere al Milan e non pensa di andarsene. La sua volontà è importante per la trattativa, che deve ancora partire. Mino Raiola attende una chiamata da Ivan Gazidis per negoziare, puntando a confermare i 6 milioni di euro netti annui di ingaggio. Il Milan spera di prolungare fino al 2025 spuntando una cifra inferiore e magari inserendo dei bonus. Gli addii di Biglia, Bonaventura, Kessie e Paquetà possono aiutare il club a trovare le risorse per accontentare le richieste.
  2. Donnarumma ceduto e si cerca un big. Se il Milan e Raiola non dovessero trovare un accordo, allora si concretizzerebbe la cessione. Il prezzo del cartellino non sarà inferiore ai 50 milioni. PSG, Chelsea e Real Madrid sono in agguato. La società sta già valutando dei portieri che potrebbero sostituire Gigio. Nella lista ci sono Salvatore Sirigu, Alex Meret, Juan Musso, Luis Maximiano e Andre Onana. Anche altri nomi possono spuntare nelle prossime settimane.
  3. Donnarumma venduto, Reina “chioccia” di Plizzari. Il Milan potrebbe decidere di non effettuare alcun investimento in porta, preferendo una soluzione interna. In quest’ottica Pepe Reina rientrerebbe dal prestito all’Aston Villa per fare da titolare nel suo ultimo anno di contratto. E al contempo aiuterebbe Alessandro Plizzari, prestato al Livorno, a crescere per poi sostituirlo nella stagione successiva.

LEGGI ANCHE -> MILAN, GAZIDIS PREPARA IL NUOVO CONTRATTO DI ROMAGNOLI