PSG, in passato offerta shock a Donnarumma. Nuovo assalto?

Gianluigi Donnarumma piace al PSG da anni e i contatti con Mino Raiola rimangono abbastanza costanti. Il Milan dovrà riuscire a blindare Gigio con un nuovo contratto.

Gigio Donnarumma vuole rinnovare
Gigio Donnarumma (Getty Images)

Il fatto che Mino Raiola abbia ottimi rapporti con il Paris Saint-Germain non rappresenta una novità. E neanche che ci siano stati in passato dei contatti per l’eventuale trasferimento di Gianluigi Donnarumma a Parigi.

Un tentativo del PSG nel prossimo calciomercato estivo non va affatto escluso, anche se il Milan punta al rinnovo del contratto. Il club rossonero punta sull’attaccamento di Gigio alla maglia per giungere a un accordo. Se non dovesse esserci un’intesa sul prolungamento, allora la cessione diventerebbe inevitabile. Il Diavolo non può perdere il proprio portiere a parametro zero nel 2021.

LEGGI ANCHE -> IL NEWCASTLE UNITED LANCIA LA SFIDA PER JOVIC

Calciomercato Milan, PSG ancora su Donnarumma

Il PSG è in agguato. Leonardo si tiene informato tramite Raiola degli sviluppi in casa Milan. Nel caso in cui la trattativa per il rinnovo fallisse, da Parigi potrebbe partire un nuovo assalto. Lo conferma Fabrizio Romano, giornalista di Sky Sport, nella sua rubrica su calciomercato.com.

L’estate scorsa c’era stata un’offerta da 20 milioni di euro più il cartellino di Alphonse Areola, ma è stata nettamente respinta dal Diavolo. Nel 2017, prima che Donnarumma rinnovasse, il presidente Nasser Al-Khelaifi aveva dato l’ok per un’offerta shock: 13 milioni netti all’anno per cinque stagioni cui aggiungere ricchi bonus, limousine per gli spostamenti a Parigi e addirittura una disponibilità di ville per Gigio e famiglia.

Donnarumma decise di rimanere al Milan, nonostante Raiola avesse litigato in più occasioni con l’allora direttore sportivo rossonero Massimiliano Mirabelli. Adesso il PSG attende di capire se ci sarà o meno il nuovo rinnovo contrattuale, poi valuterà se partire con l’offensiva o se dovrà virare su un altro portiere.

LEGGI ANCHE -> MALDINI E RANGNICK, CONVIVENZA IMPROBABILE: I MOTIVI