Milanello, oggi ripartono gli allenamenti: programma e regole

Il Milan riprende oggi con gli allenamenti individuali dei propri giocatori presso il centro sportivo Milanello. Andranno seguite delle regole rigide per evitare rischi.

Milanello ripresa allenamenti oggi
Milanello (foto acmilan.com)

Oggi il Milan riprende a lavorare. Sei giocatori si alleneranno al mattino e otto nel pomeriggio. A Milanello le sedute saranno scaglionate per gruppi e i giocatori lavoreranno individualmente.

Come ricordato dalla Gazzetta dello Sport, il centro sportivo rossonero riapre a distanza di due mesi dall’ultimo allenamento svoltosi il 7 marzo. I primi a ricominciare dovrebbero essere Gigio e Antonio Donnarumma, Theo Hernandez, Giacomo Bonaventura, Lucas Biglia e Leo Duarte.

Milan, il programma dei giocatori

Milanello è blindato, solo poche persone potranno accedervi e andranno rispettate tutte le misure di sicurezza. Il Corriere dello Sport spiega che ci saranno anche il dottor Mazzoni e due fisioterapisti. I giocatori inizieranno con un lavoro di riatletizzazione per recuperare la forza persa in questi due mesi. Le sedute si svolgeranno esclusivamente sul campo, niente palestra. Il Milan ne ha preparati tre su sei.

Al termine delle esercitazioni, i calciatori potranno fare le docce solamente nelle camere singole. Non verranno utilizzati gli spogliatoi e ci saranno zone del centro sportivo off limits. Più avanti gli allenamenti verranno fatti anche col pallone, però per adesso ci si concentrerà sul lavoro aerobico. Solo i portieri potranno lavorare con la palla.

L’idea è di organizzare gruppetti di massimo quattro giocatori su ogni campo, dividendo la giornata in due fasi, una al mattino e una al pomeriggio. La programmazione durerà fino al 18 maggio, quando poi ci sarà la possibilità di effettuare allenamenti collettivi.

Oggi alcuni giocatori completeranno le visite mediche che altri compagni hanno già sostenuto nei due giorni precedenti. I controlli sono svolti presso la clinica ‘La Madonnina’ di Milano, struttura utilizzata da anni dal club rossonero.

LEGGI ANCHE -> MILAN, REBUS DONNARUMMA: C’È LA SOLUZIONE INTERNA