Home Milan News Inter-Milan 0-6, cosa fanno oggi i protagonisti

Inter-Milan 0-6, cosa fanno oggi i protagonisti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:34

19 anni dopo: cosa fanno oggi i calciatori di quel Milan che vinse il derby più clamoroso e glorioso della storia rossonera.

Shevchenko in Inter-Milan (Getty Images)

L’11 maggio 2001 il Milan riuscì in un’impresa storica. Demolì i rivali dell’Inter con un 6-0 clamoroso, nel derby più glorioso della storia rossonera.

Sono passati 19 anni esatti da quella vittoria che, ancora oggi, fa sorridere i tifosi milanisti. Quella fu un’annata disgraziata, costellata dall’esonero di Zaccheroni e dai tanti errori di mercato. Ma il derby del 6-0 fu un lampo indimenticabile.

La redazione di MilanLive.it ha voluto fare una ricerca sugli eroi rossoneri di quella notte di San Siro. Cosa fanno oggi gli undici protagonisti di quella vittoria memorabile?

LEGGI ANCHE -> INTER-MILAN 0-6, LA PARTITA INTEGRALE

Inter-Milan 0-6, che fine hanno fatto gli eroi rossoneri?

Il Milan in quel derby si schierò con un 4-4-2 molto classico. In porta c’era Sebastiano Rossi, recordman per la porta imbattuta in Serie A.

Oggi Rossi è uscito dal mondo del calcio e gestisce attività personali. Non mancano nel passato recente risvolti particolari sul suo conto: nel 2011 finì in galera per due giorni per aver aggredito un carabiniere, nel 2014 fu invece indagato per presunto spaccio di cocaina.

Difesa a 4: c’era Thomas Helveg, terzino danese ritiratosi a 40 anni dal calcio giocato. E’ divenuto successivamente collaboratore tecnico dell’Odense, in patria, e della Nazionale maggiore danese.

Alessandro Costacurta, vecchio perno della difesa, ha tentato l’esperienza da allenatore al Mantova, ma senza successo. Oggi è commentatore e opinionista per Sky Sport.

Giocò anche Roque Junior, noto ai tifosi del Milan per l’eroica prova da ‘zoppo’ nella finale di Champions 2003. Il brasiliano è divenuto collaboratore per le giovanili della Lazio prima di allenare l’Ituano, club paulista di Serie D.

Noti i destini di Paolo Maldini. Lo storico capitano oggi è direttore dell’area tecnica del Milan. Anche se il suo futuro da dirigente sembra in bilico.

A centrocampo ebbe spazio un giovanissimo Rino Gattuso. Il grintoso numero 8 oggi è un allenatore in ascesa. Ha guidato il Milan fino allo scorso maggio, oggi è il tecnico del Napoli.

Chi tuttora lavora nel Milan è Federico Giunti, autore di un gol su punizione in quel derby. Dopo aver allenato diverse squadre nelle serie minori, Giunti è divenuto nel 2018 tecnico della Primavera rossonera.

Khakhaber Kaladze giocò quella partita a centrocampo, nonostante fosse un difensore mancino. Dopo il ritiro ha intrapreso la carriera politica in Georgia: oggi è sindaco della capitale Tbilisi.

Serginho, migliore in campo nel 6-0, ha lavorato come osservatore del Milan dal 2008 al 2017. Poi ha seguito l’amico Leonardo nella sfortunata e breve esperienza con i turchi dell’Antalyaspor.

In attacco fece scalpore la prova di Gianni Comandini. Doppietta e prova spettacolare dell’attaccante italiano, che oggi è lontano dal mondo del calcio. E’ un imprenditore con la passione per la musica elettronica.

Due reti anche per Andriy Shevchenko, vero e proprio idolo dei tifosi del Milan. Oggi è lo stimato commissario tecnico della sua Ucraina.

In panchina c’erano due allenatori d’eccezione: Mauro Tassotti, che oggi assiste proprio Shevchenko nella Nazionale ucraina, e il compianto Cesare Maldini che purtroppo ci ha lasciati il 3 aprile 2016.

LEGGI ANCHE -> STRASSER E I RICORDI DEL SUO MILAN