Crisi economica, Maldini e Ibrahimovic: ora tocca a Gazidis

Milan, ora Ivan Gazidis dovrà risolvere i tre grandi problemi in casa rossonera. Ovvero i conti da risanare dopo la crisi da Covid-19, la posizione di Paolo Maldini e il futuro di Zlatan Ibrahimovic. 

Taglio stipendi risparmio Milan
Ivan Gazidis (©Getty Images)

Ivan Gazidis, un uomo al comando nel pieno di una bufera senza precedenti. Come infatti riferisce il CorSport oggi in edicola, da quando l’amministratore delegato ha ottenuto i pieni poteri da Elliott a marzo, è successo di tutto.

C’è stato qualcosa di più voluto, e probabilmente non gestito perfettamente stile la vicenda di Ralf Rangnick, e qualcosa di ineluttabile come la pandemia da Covid-19. Una situazione, questa, che ha messo in ginocchio l’intera Serie A e ha complicato ancor di più la situazione del Milan già con un deficit da tre zero.

Milan, Gazidis ora dovrà risolvere i problemi

Ora l’Ad milanista dovrà gestire una serie di situazioni critiche. Dovrà risistemare i conti una volta che si tornerà a una sorta di normalità e dovrà gestire vicende delicatissime. Come la posizione di Paolo Maldini, facendo i conti con l’intera dinasta che rappresenta, e affrontando anche Zlatan Ibrahimovic in un faccia a faccia che sarà decisivo per il destino dell’attaccante.

Ed entrambi venderanno cara la pelle mettendo la proprietà quasi spalle al muro. Maldini ha già iniziato a farlo in diretta televisiva ribadendo quanto il suo nome rappresenti la storia milanista, il fuoriclasse svedese ha invece incalzato con quel post su Instagram in cui ha riaperto al club rossonero mettendolo adesso in una posizione non invidiabile.

E in tutto questo c’è anche un finale di stagione da considerare. Nonostante la continua fuga di notizie, le dichiarazioni pubbliche di Rangnick e tutte le altre situazioni di contorno. Gazidis – evidenzia il quotidiano – ora più che mai dovrà dimostrare tutta la sua abilità di cui la proprietà è convinta tanto da sacrificare anche i milanisti in dirigenza. Oneri e onori.

LEGGI ANCHE: MILAN, SPUNTA IL PIANO B A RANGNICK