Inter-Milan, moviola: Lukaku in offside, niente rigore. Kessie era da rosso

Gli episodi da moviola di Inter-Milan, derby vinto per 2-1 dai rossoneri. L’arbitro Mariani tutto sommato è da promuovere.

Moviola Inter Milan
Stefano Pioli e l’arbitro Mariani (Getty Images)

La Gazzetta dello Sport ha analizzato oggi tutti i maggiori episodi da moviola di Inter-Milan, derby vinto ieri pomeriggio per 2-1 dai rossoneri.

Diverse le situazioni che hanno visto protagonista l’arbitro, il signor Maurizio Mariani, tutto sommato positivo nella direzione di un incontro così delicato.

Solare il rigore concesso al Milan al 12′ minuto: Kolarov colpisce nettamente Ibrahimovic sulla gamba d’appoggio. Intervento sconsiderato e penalty giustamente assegnato ai rossoneri.

Regolarissimo anche il raddoppio del Milan, con Ibra che sul cross di Rafael Leao è tenuto ampiamente in gioco sempre da Kolarov.

L’Inter recrimina qualcosa tra fine primo tempo ed inizio ripresa: Mariani lascia correre su due interventi fallosi, nei pressi dell’area milanista. Prima una trattenuta di Kjaer su Lautaro Martinez, poi un presunto fallo di Theo Hernandez su Lukaku.

Al 56′ Mariani si perde un intervento in ritardo ed a gamba tesa di Kessie su Hakimi. L’arbitro fa giocare, convinto di aver visto una chiusura regolare dell’ivoriano, tra l’altro già ammonito. Ci poteva stare la punizione e il secondo giallo per Kessie.

L’episodio più difficile arriva al 73′ minuto. Rimpallo tra Eriksen e Kjaer al limite dell’area milanista. Il pallone arriva a Lukaku, che salta Donnarumma e finisce a terra. Mariani fischia subito il rigore, nonostante il contatto tra attaccante e portiere sia lieve.

Interviene però la VAR che pizzica un fuorigioco di Lukaku. Inizialmente il belga sembrava essere stato servito da Kjaer, ma i replay segnalano il tocco involontario del milanista, da non considerarsi dunque come un retropassaggio. Giusto allora annullare la decisione del penalty.

LEGGI ANCHE -> IBRAHIMOVIC, ALTRO RECORD NEL DERBY