Calciomercato Milan, attesa per i rinnovi: svolta durante la pausa

La prossima pausa per le nazionali potrebbe servire per definire i rinnovi di Donnarumma e Ibrahimovic. Più difficile il prolungamento di Calhanoglu

Donnarumma e Ibra rinnovi
Zlatan Ibrahimovic e Gigio Donnarumma (©Getty Images)

Doppia sfida a San Siro prima della pausa per le nazionali. Il Milan ha l’obiettivo di chiudere questo ciclo con un doppio primato: domani a Milano arriverà il Lille, per il terzo match di Europa League. I rossoneri vogliono vincere per chiudere a punteggio peggio pieno i match di andata ed ipotecare il passaggio del turno. Domenica, sera ci sarà il Verona di Juric; un successo garantirebbe la testa della classifica in solitaria.

Poi, sarà tempo di pensare ad altro, al calciomercato. Due settimane in cui Maldini e Massara avranno modo di programmare ed organizzare le trattative per la sessione di gennaio e soprattutto di chiudere una volta per tutte la questione rinnovi.

Incontro con Raiola

rinnovo donnarumma ibra raiola
Mino Raiola (©Getty Images)

Come riporta Tuttosport, i dirigenti rossoneri potrebbero sedersi attorno ad un tavolo insieme a Mino Raiola: sul piatto ci sono ovviamente i contratti di Gigio Donnarumma e Zlatan Ibrahimovic. L’obiettivo è quello di continuare ancora con i due assistiti dell’agente italo-olandese: con lo svedese per un altro anno ancora; con il portiere potrebbe arrivare la firma fino al 2024 a 7/7,5.

L’ostacolo, come ampiamente raccontato, è legato alla clausola da inserire in caso di mancato approdo in Champions League. Raiola la vorrebbe di non più di 35 milioni, il Milan, invece, non è disposto a scendere sotto i 50 ma la volontà di Gigio è quella di proseguire in rossonero e potrebbe essere determinante.

Più complicato appare il rinnovo di Calhanoglu, che vorrebbe restare a Milano, ma l’agente chiede per il suo giocatore almeno 6 milioni di euro netti a stagione. Troppi secondo la dirigenza del Diavolo. Si tratta, con la paura di perdere un tassello chiave dello scacchiere di Pioli a zero.

LEGGI ANCHE: LA STRATEGIA PER THAUVIN