Locatelli: “Gol alla Juve arma a doppio taglio. Avevo l’etichetta di incompiuto”

Le parole di Manuel Locatelli sul Milan. Leggi le dichiarazioni del centrocampista del Sassuolo legate alla sua esperienza con la maglia rossonera

Locatelli rimpianto Milan
Manuel Locatelli (©Getty Images)

In un’intervista a La Gazzetta dello Sport, Manuel Locatelli è tornato a parlare della sua esperienza al Milan. Il centrocampista sotto la gestione De Zerbi è letteralmente esploso ed oggi è uno dei calciatori più apprezzati del panorama italiano.

Gli anni in rossonero – “Il Milan lo ringrazierò per tutta la vita e non gli vorrò mai del male, è stato casa mia e quindi non si parla mai male di casa. Poi le cose non sono andate come dovevano, ma ne parlerò sempre bene. Il mio gol alla Juve è stato un’arma a doppio taglio – ammette Locatelli – Mi ha dato una gioia immensa: segnare un gol così a un campione come Buffon è stata una cosa incredibile.

Poi difficile da gestire perché mi si chiedeva sempre di fare gol spettacolari, le aspettative sono balzate alle stelle e quindi è stato complicato. Non ero pronto, sicuramente per demeriti miei. Ma ora vedo le cose in maniera differente e sono cosciente che quel gol rimarrà nella storia, sicuramente nel mio cuore”.

Locatelli non ancora pronto – “Avevo l’etichetta di essere incompiuto, che doveva sempre arrivare la definitiva consacrazione, che non ero completo. Purtroppo all’inizio ho vissuto tutto troppo velocemente, è successo tutto subito. Ci si attendeva che dimostrassi cose per le quali non ero ancora pronto. Ora invece, passo dopo passo, sto dimostrando di poter essere all’altezza delle aspettative e mi sono preso delle belle rivincite.

Per me saper aspettare è tanto importante quanto difficile perché si vuole sempre raggiungere il massimo subito. Ma penso sia la costanza, la dedizione al lavoro e ai minimi dettagli che ti fa raggiungere grandi risultati. Quindi bisogna saper aspettare. Poi devi essere bravo a sfruttare il tuo momento. Non devi pensare mai di essere arrivato. Ci vogliono pazienza, umiltà, costanza e tanto lavoro per raggiungere grandi risultati”.

LEGGI ANCHE: COLPO ERIKSEN PER IL MILAN