Leao: “Amo la musica, dopo il calcio potrei diventare un rapper”

La confessione di Rafael Leao, che oltre al calcio è appassionato di musica e progetta un eventuale futuro nel rap.

Leao rap
Diogo Dalot, Rafael Leao e Brahim Diaz (©Getty Images)

Oltre al calcio anche la musica. Rafael Leao non nasconde la sua vena artistica e la passione musicale.

L’attaccante del Milan è stato intervistato dal noto magazine Rolling Stonesproprio riguardo ai suoi gusti, che vanno in particolare verso il rap e l’hip-hop.

Amo molto l’hip-hop e l’R&B, – ha detto Leao – Soprattutto roba americana: Migos, Travis Scott, 6ix9ine, Da Baby, Roddy Rich. Mi piace molto rappare e penso che quando finirò la mia carriera di calciatore potrei fare quello, nella vita”.

Leggi anche > Milan-Lazio, due recuperi last-minute per Pioli

Il numero 17 del Milan si diletta già da tempo con la musica: “Per ora è un passatempo e basta: faccio trap, ma parlo soprattutto della mia vita, dei sacrifici per arrivare fin qui. Ammiro tantissimo Jay-Z per tutto quello che è riuscito a ottenere nella sua carriera. E ora che siamo connessi anche grazie al Milan, magari in futuro potrò andare direttamente a bussare alla sua porta e fargli fare un po’ di money in più con le mie canzoni!”

Leao ha poi raccontato i gusti musicali suoi e dei suoi compagni: “Fin da quando arrivo a Milanello la mattina e facciamo colazione tutti insieme, non smettiamo mai di ridere e scherzare. Non riusciamo ad andare a molti concerti, tra allenamenti e partite, ed è un peccato. Avrei voluto andare a Londra a vedere Drake, ma non ce l’ho fatta. Quando siamo negli spogliatoi decidiamo un po’ a turno cosa ascoltare. Ad esempio c’è Theo Hernandez che ha origini spagnole e mette sempre su dischi reggaeton. E Daniel Maldini mi ha fatto conoscere un po’ di rap italiano: Sfera Ebbasta mi piace molto”.