Kalinic preferito a Belotti, Mirabelli svela il retroscena

La rivelazione di Massimiliano Mirabelli sull’acquisto mancato di Andrea Belotti quando era direttore sportivo del Milan.

Belotti-Kalinic Milan
Andrea Belotti (©Getty Images)

All’interno della lunga intervista rilasciata a Tuttosport, l’ex d.s. milanista Massimiliano Mirabelli è tornato anche su una vecchia trattativa di mercato.

Nell’estate 2017 il dirigente calabrese, scelto da Marco Fassone come uomo-mercato del Milan, voleva prendere un centravanti di primo piano.

Il suo preferito era Andrea Belotti, attaccante e capitano del Torino, che come rivelato da Mirabelli fu anche piuttosto vicino alla maglia rossonera.


Leggi anche > Milan, contatti per il miglior talento del Belgio


Mirabelli racconta del suo tentativo e dell’ostacolo economico: “Certo che mi piaceva Belotti, volevo portarlo al Milan perché veniva da una stagione da 26 gol col Toro. Era impossibile rimanere con le mani in mano. Ci fu un braccio di ferro tra i due club, ma ci dovemmo fermare di fronte alle esose richieste. Il Torino chiedeva una cifra non lontana dai 100 milioni di clausola”.

Un rammarico per l’ex d.s. rossonero, che poi virò senza torppo successo su Nikola Kalinic: “Lo volle Montella, era un suo pallino” – dice Mirabelli, scaricando dunque le responsabilità all’allora tecnico del Milan.

Il resto è storia (negativa), con Kalinic autore di sole 6 reti in campionato mentre il ‘Gallo’ Belotti è uno dei centravanti ancora più forti e apprezzati in Serie A.