Retroscena Firpo: prima il sì al Milan, poi il dietrofront

Junior Firpo, terzino dominicano del Barcellona, aveva accettato il trasferimento al Milan per poi cambiare idea last-minute.

Retroscena Firpo Milan
Junior Firpo (©Getty Images)

Grande ed intenso il lavoro profuso dalla dirigenza del Milan anche in questa sessione di calciomercato invernale.

Dopo gli acquisti di Meité e Mandzukic, il club rossonero avrebbe voluto terminare questa settimana con un doppio colpo in difesa.

Oltre a Fikayo Tomori, che sbarcherà oggi in Italia, sarebbe dovuto arrivare anche il terzino Junior Firpo dal Barcellona.

Tutto fatto fino a ieri mattina, come riportato oggi dal retroscena della Gazzetta dello Spot.


Leggi anche:


Secondo le indiscrezioni che arrivano dalla Spagna, inizialmente Firpo si era detto assolutamente propenso ad accettare l’opzione Milan.

Il terzino dominicano sta giocando poco nel Barça di mister Koeman, dunque un trasferimento a gennaio gli avrebbe potuto garantire più chance.

Il Milan aveva anche trovato l’accordo con i catalani: prestito a 500 mila euro e diritto di riscatto in vista della prossima stagione.

Ma dopo un iniziale gradimento, Firpo ha fatto dietrofront. Pare che il classe ’96 abbia scelto di non lasciare Barcellona per motivi familiari.

Sua moglie ha da poco partorito e non lo avrebbe seguito con il neonato in Italia, per questioni di comodità. Firpo allora ha preferito declinare l’offerta milanista, poco propenso ad affrontare da solo il periodo di prestito.

Una scelta condivisibile che non farà strappare i capelli al Milan. Il club infatti si sente comunque cautelato sulla corsia mancina visto il ritorno di Theo Hernandez dopo la falsa positività al Covid-19.

Non da escludere però che entro il 31 gennaio il Milan possa mettere nel mirino un altro terzino, visto che con l’addio di Andrea Conti c’è ancora posto per un innesto in difesa.