Weah: “Il Milan non mi sorprende, ma per lo Scudetto dico Juve”

Le parole dell’ex campione del Milan George Weah, che sulla corsa scudetto sembra ‘tifare’ per una rivale.

Weah Milan Juventus
George Weah (©Getty Images)

Oggi la Gazzetta dello Sport ha raccolto le dichiarazioni dell’ex campione liberiano George Weah, oggi presidente della Repubblica del suo paese.

Strepitoso attaccante negli anni ’90, Weah ha vinto tutto con le maglie di PSG e Milan, restando in qualche modo legato ai colori rossoneri.

Non mi sorprende che il Milan lotti per lo scudetto – ha ammesso l’ex bomber – Dovevano ritrovarsi e lo stanno facendo, perché la cultura della vittoria fa parte del dna rossonero. Maldini ha enormi meriti, è un uomo umile, un gran capitano e un ottimo amico”.


Leggi anche > Milan-Atalanta, le ultime sulle formazioni


Weah ha però svelato le simpatie per una rivale storica: “Per lo scudetto dico Juventus, per due motivi. Da bambino tifavo Juventus e poi vince da 9 anni. Quando ero piccolo non arrivavano le immagini della Serie A in Africa, vedevamo solo le immagini di Platini in Italia, così mi affezionai alla Juve. Poi la vita mi ha portato al Milan e lì ho trovato una famiglia oltre che ad un fantastico ambiente di lavoro. Il Milan mi ha dato tutto, ma il tifo per la Juve è rimasto”.

Immancabile un commento su Zlatan Ibrahimovic: “Si nota subito che è forte e sicuro di sé, ma c’è dell’altro: si impegna sempre al massimo. L’età nel calcio non conta. Vierchowood e Baresi hanno giocato a un livello altissimo fino a quasi quarant’anni per esempio. E poi naturalmente lo stesso Maldini”.