Ibrahimovic chiama Lukaku “donkey”: il significato della parola

Ibrahimovic ha utilizzato la parola donkey nel provocare Lukaku in Inter-Milan. Un termine inglese che ha un significato anche calcistico.

Ibrahimovic Lukaku
Ibrahimovic e Lukaku (Getty Images)

Ha certamente impressionato la lite avvenuta tra Romelu Lukaku e Zlatan Ibrahimovic nel derby di Coppa Italia. Uno scontro tra titani, per fortuna non sfociata in una vera rissa fisica.

È stato l’attaccante del Milan a provocare il belga, già nervoso per un precedente fallo di Alessio Romagnoli e che stava decisamente esagerando nella reazione. Stando a quanto emerso, lo svedese avrebbe detto al rivale «Go to your voodoo shit, you little donkey» e da lì sono volate altre parole tra i due contendenti.


Leggi anche:


Ibrahimovic, zero razzismo verso Lukaku

Donkey significa asino, quindi non si tratta di un insulto di tipo razzista. Lo sarebbe stato se Ibrahimovic avesse detto “monkey“, ovvero scimmia. Ma il calciatore del Milan ha negato ufficialmente di aver rivolto parole razziste a Lukaku.

Inoltre, donkey è una parola che in Inghilterra viene utilizzata anche per definire giocatori di presenza fisica ma scarsi nel controllo della palla, nei passaggi o nel tiro.

Ibrahimovic ai tempi del Manchester United ebbe Lukaku come compagno di squadra e gli fece notare la sua non abilità con il pallone. Era la stagione 2017/2018 e Zlatan ha rivelato di aver fatto una scommessa con il belga: “Ti do 50 sterline per ogni stop giusto“. Quando l’attuale bomber dell’Inter gli chiese cosa avrebbe avuto in cambio, lo svedese replicò: “Nulla, semplicemente ti rendo un calciatore migliore!“.

La scommessa poi non venne realmente fatta, però probabilmente la parola “donkey” utilizzata da Ibrahimovic può fare riferimento a quanto appena spiegato. Ad ogni modo, il razzismo non c’entra nulla.