Calciomercato Milan, ultimo acquisto | Doppia opzione!

Il Milan è intenzionato ad acquistare un terzino sinistro. I nomi sul tavolo sono essenzialmente due, ma le trattative sono complicate

Calciomercato Milan terzino sinistro
Paolo Maldini, Stefano Pioli e Frederic Massara (foto AC Milan)

Da giorni si parla della possibilità per il Milan di acquistare un terzino sinistro, e quindi garantire un sostituto di ruolo a Theo Hernandez. Abbiamo visto sfumare la trattativa per Junior Firpo, in quanto mancavano le basi essenziali ad un accordo.

Adesso, il Milan sta tentando il gran colpo in Brasile, pensando all’acquisto di Matias Vina. Il nome del terzino uruguaiano sta rimbalzando su tutti i giornali: c’è un dialogo concreto tra le parti, ma il tempo potrebbe essere limitato.

Già, perchè Vina, giocatore del Palmerais, dovrà disputare sabato, la finale di Copa Libertadores con la squadra. Complicatissimo quindi riuscire a concludere l’affare, dato che il calciomercato invernale si chiuderà lunedì. Tempi strettissimi, che poterebbero il Milan a spostare i riflettori su un altro terzino, che però gioca in Premier League.


Leggi anche:


Lazaar, il piano B del Milan

Achraf Lazaar piano B milan
Achraf Lazaar (© Getty Images)

Come riportato dal programma Sport Mediaset, Matias Vina costerebbe al Milan circa 10 mln di euro. A prescindere dal prezzo, fattibile e non troppo alto, mancherebbe, come accennato, il tempo necessario a trovare l’accordo e a far arrivare il terzino uruguaiano entro lunedì.

Così il Milan ha in serbo un piano B. Si è parlato già nei giorni scorsi di Achraf Lazaar, il terzino sinistro in forza al Newcastle. Alla dirigenza rossonera è un profilo che non dispiace quello del marocchino, che oltretutto conosce i campionati italiani.

Lazaar, classe 1992, ha militato nel Palermo, Benevento e Cosenza. Da un anno gioca al Newcastle, dove sembra essersi affermato come una pedina importante. Difatti, la società inglese non è disposta a svincolare il 29enne e vorrebbe quantomeno un indennizzo.

Trattative complicate quindi per la dirigenza di Via Aldo Rossi, che tenterà un affondo concreto entro lunedì.