Kessie al Milan, come Mirabelli beffò la Roma: il retroscena

Kessie nel 2017 fu a un passo dalla Roma, ma il Milan riuscì a vincere il duello di calciomercato. Mirabelli e Fassone non si arresero, portandosi a casa un ottimo colpo.

Kessie Milan
Franck Kessie (©Getty Images)

Ci ha messo un po’ di tempo, ma Franck Kessie è riuscito a diventare il centrocampista che il Milan sperava che diventasse quando lo prese nell’estate 2017. L’ivoriano è un punto fermo e un leader della squadra.

Nel 2020 per lui e i suoi compagni è arrivata la svolta. Molti meriti sono di Stefano Pioli, bravo a farsi seguire dai giocatori e a motivarli a tirare fuori il meglio. L’ex Atalanta ha fatto un salto di qualità enorme, diventando un mediano molto più disciplinato tatticamente e più efficace sia in fase difensiva che nella gestione del pallone.


Leggi anche:


Calciomercato Milan, Mirabelli “scippò” Kessie alla Roma

Gianluca Di Marzio sul sito grandhotelcalciomercato.com ricorda la trattativa che nel 2017 ha portato Kessie al Milan. La Roma era in vantaggio, aveva presentato l’offerta migliore e l’Atalanta l’aveva accettata. Era quasi tutto fatto, mancava solamente il sì del giocatore al trasferimento.

A fine maggio Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli incontrato Luca Percassi e Giovanni Sartori. I due dirigenti rossoneri domandano: «Ci interessa Kessie e la destinazione gli è gradita, possiamo ancora discuterne?». I nerazzurri replicano: «Lo abbiamo promesso alla Roma, ma se vuole venire a Milano non possiamo dire nulla».

Fassone è poco convinto, ma Mirabelli va in pressing sull’agente George Atangana e lo chiama: «Riusciamo a trovare un posto in cui discuterne adesso?». Erano le dieci di sera passate e non era semplice trovare un luogo nel quale non dare nell’occhio. Ristoranti e hotel vengono scartati.

All’una di notte viene trovata una sistemazione presso una sorta di sgabuzzino in un albergo di periferia. All’incontro partecipano Mirabelli, Fassone, Atangana, l’avvocato del calciatore e anche lo stesso Kessie. Viene raggiunto un accordo, c’è anche la firma sul pre-contratto.

Il giorno seguente i due dirigenti del Milan tornano da Percassi e Sartori. Viene raggiunta l’intesa anche con l’Atalanta: prestito biennale con obbligo di riscatto. Operazione da circa 28 milioni di euro più bonus. Roma beffata e l’ivoriano dal 2 giugno 2017 viene annunciato come rinforzo rossonero.