Il Milan cambia modulo? | L’apertura di Pioli

Le dichiarazioni di Stefano Pioli, tecnico del Milan, nella consueta conferenza stampa post-partita da San Siro.

Pioli cambio modulo
Stefano Pioli (© Getty Images)

Sempre nel post-partita del derby è intervenuto in conferenza stampa Stefano Pioli, che ha risposto ad alcune domande dei cronisti presenti a San Siro.

In particolare il tecnico del Milan non ha glissato troppo sulla possibilità di cambiare qualcosa a livello tattico dopo le ultime prove deludenti.

I rossoneri hanno subito due sconfitte consecutive in campionato, contro Spezia e Inter, senza realizzare neanche una rete, ma subendone cinque.

Il Milan vira su un’altra impostazione tattica? La risposta di Pioli lascia spazio a varie interpretazioni.


Leggi anche:


Pioli valuta un nuovo Milan: addio al 4-2-3-1?

La domanda di uno dei cronisti in sala stampa è chiara: può il Milan rivedere il suo modulo viste le difficoltà occorse nell’ultimo periodo?

Pioli ha risposto così: “Vedremo, tutto è possibile. Faremo da domani le nostre valutazioni pensando al meglio per la squadra”.

Il tecnico non esclude dunque di poter cambiare qualcosa nell’assetto. Il suo Milan infatti soffre spesso a centrocampo e si ritrova lungo, sfilacciato e senza né copertura difensiva né supporto offensivo.

Difficile prevedere che modulo possa supportare meglio il Milan di oggi, ma di certo Pioli non rivoluzionerà la sua impostazione e le proprie idee. Ma non è così impossibile pensare a qualche accorgimento, magari in mezzo al campo o in attacco.

L’alternativa numero uno potrebbe essere passare ad un 4-3-3, che porterebbe maggiore quantità a centrocampo, togliendo uno dei trequartisti titolari. Finché Hakan Calhanoglu non tornerà nelle giuste condizioni di forma post-Covid, possibile che Pioli gli possa preferire un mediano come Meitè o un incursore come Krunic per rimpolpare la mediana.

Oppure spazio ad un 4-4-2 più quadrato e meno fantasioso, anche per evitare di lasciare Ibrahimovic troppo solo lì in attacco. In questo caso uno tra Rebic, Leao o Mandzukic andrebbe ad affiancare lo svedese, dando più profondità alla manovra ma, anche in questo caso, meno dinamismo tra le linee.

Tutte ipotesi che Pioli potrebbe valutare e provare sul campo d’allenamento. Intanto testa al doppio impegno con Stella Rossa e Roma della prossima settimana, altri passaggi chiave della stagione.