Milan-Udinese: un 4-4 spettacolare e il gol di Rebic, i match da ricordare

Milan-Udinese, un confronto che nell’ultima decade di Serie A ha riservato grandi emozioni ai tifosi rossoneri in due match in particolare 

Milan-Udinese 2011
Milan-Udinese del 2011 (Getty Images)

Milan e Udinese si ritrovano a San Siro per la 25.a giornata di Serie A. Curiosamente, per la seconda volta nelle ultime tre stagioni, compresa quella attuale, il confronto tra i rossoneri e i friulani si gioca in un turno infrasettimanale. Era accaduto anche nel match di ritorno dell’aprile 2019, terminato 1-1, un pareggio che ha fatto perdere punti preziosi al Milan allenato da Gattuso nella lotta Champions di quel campionato poi terminato al 5 posto, a una sola lunghezza dall’Inter.

Nell’ultima decade di Serie A, il confronto tra Milan e Udinese non ha riservato match da ricordare. Due, tuttavia, meritano di essere menzionati ovvero il primo e l’ultimo giocati a San Siro tra il 2011 e il 2020. Se li avete dimenticati, eccovi il racconto con gli highlights.


Leggi anche 


Milan-Udinese 4-4,  11 gennaio 2011

Il Milan di Allegri già campione d’inverno dopo lo 0-1 di Cagliari (gol di Strasser) riceve a San Siro l’Udinese di Handanovic, Di Natale, Sanchez e Benatia un avversario molto ostico da affrontare e, stabilmente, tra le prime della classifica.

E’ proprio l’Udinese a passare in vantaggio con Di Natale, lesto a ribattere in rete un tiro da fuori area di Inler che aveva impattato sul palo della porta difesa da Amelia. La reazione del Milan non si fa attendere con il pari immediato di Pato che deve solo spingere in porta l’assist di Ibrahimovic. Nella ripresa, il match è un turbinio di emozioni.

Il Milan si ritrova sotto 1-3 con un uno-due micidiale firmato Sanchez e Di Natale. Gol di rapina quello del cileno che approfitta di una marcatura poco attenta di Bonera. Solita, grande giocata per Di Natale che brucia lo stesso Bonera e batte Amelia imparabilmente all’angolino. Al 78′, l‘autorete di Benatia su cross di Thiago Silva permette al Milan di rientrare in partita. E’ un forcing incessante quello dei rossoneri che viene premiato all’82° con il 3-3 di Pato che si libera in area e fulmina Handanovic. Sembra finita. Macché. All’89° cala il gelo su San Siro. E’ Denis, appena entrato, a riportare avanti i suoi con un tiro da distanza ravvicinata su assist di Isla. Il 4-4 finale è di Ibrahimovic al 93′. Servito da Cassano, Zlatan si libera di Benatia e regala al Milan un punto che permette di mantenere a distanza Napoli e Inter.

Milan-Udinese 3-2, 19 gennaio 2020

Il Milan di Pioli, appena rinforzato da Ibrahimovic, apre il girone di ritorno con il launch match contro l’Udinese. San Siro è gremito, in una delle ultime partite con il pubblico prima del lockdown. L’entusiasmo si trasforma in paura quando Stryger Larsen approfitta di un errore in disimpegno e insacca Donnarumma dalla distanza con il portiere fuori dai pali.

All’intervallo i friulani sono avanti 0-1 e il Milan rischia di capitolare in avvio di ripresa quando Lasagna sfugge a un incerto Kjaer e viene fermato da Donnarumma. Il pari del Milan arriva quasi a sorpresa con Rebic che batte Musso sull’assist di Conti. Primo gol in rossonero per il croato, fino a quel match quasi un oggetto misterioso e ben lontano, nel rendimento, dal calciatore quasi insostituibile di adesso. San Siro si rianima ed esplode poco dopo con la stoccata da fuori area di Hernandez che esulta in maniera incontenibile, con una corsa a tutta velocità prima di essere travolto dall’abbraccio dei compagni.

Non è finita. L’Udinese, con merito, agguanta il pari con un colpo di testa di Lasagna prima di capitolare, nel finale, con l’incursione di Rebic conclusa dal diagonale vincente del croato. E’ il gol che rianima il Milan e che, di fatto, nonostante le sconfitte successive pre lockdown con Inter e Genoa, sancisce la rinascita della squadra, autentica protagonista del campionato durante la ripresa estiva e nel successivo inizio di stagione.