Milan in difficoltà: solo 2 vittorie nelle ultime 10 partite

Una seconda parte di stagione nettamente diversa dalla prima: il Milan ha perso la continuità nei risultati. Troppe sconfitte nell’ultimo periodo!

Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

A partire dal 2020 ci eravamo abituati a vedere un Milan sempre vittorioso, capace di mettere in difficoltà l’avversario e andare al gol con estrema facilità. L’inizio del campionato dell’attuale stagione aveva confermato quanto visto di buono nella seconda parte di quello precedente. L’assenza dei tifosi negli stadi sembrava aver agevolato la scioltezza in campo dei tanti giovani presenti nella rosa di Pioli.

Eppure adesso qualcosa sembra essere radicalmente cambiato.

A partire dallo scorso dicembre una serie di avversità si sono abbattute in casa Milan, tradotte principalmente con gli innumerevoli infortuni di tanti giocatori. In diverse occasioni i rossoneri avevano dimostrato di saper far fronte ad ogni difficoltà riuscendo sempre a portare a casa risultati utili. Se non si vinceva, si otteneva comunque il pareggio. Ma con l’aprirsi dell’anno 2021 il Milan ha cominciato ad assaporare sin troppo spesso il sapore della sconfitta.


Leggi anche:


Milan, due sole vittorie nelle ultime dieci gare

Prendendo in considerazione il nuovo anno, il Milan aveva trovato subito la vittoria il 3 gennaio contro il Benevento: nonostante una situazione di difficoltà (Milan in inferiorità numerica) i rossoneri erano riusciti ad imporsi per 2-0. Ma dopo la sfida contro i campani, la squadra di Pioli ha subito un netto calo nelle prestazioni. Prima la sconfitta contro la Juventus, poi quella contro l’Atalanta. Ma la batosta più grande è arrivata sicuramente contro lo Spezia di Italiano.

Ed è a partire da quel match, contro i liguri, che il Milan è apparso meno lucido e più in difficoltà.

Questa ha segnato l’inizio di un cammino assolutamente altalenante dei rossoneri. Considerando le ultime dieci gare giocate, soltanto in due di queste il Milan ha trovato la vittoria: contro Roma e Verona. Per il resto solo sconfitte o pareggi. Si pensava che con il buon mercato fatto a gennaio, i rossoneri, al contrario, avrebbero confermato i risultati positivi della prima parte di stagione. Eppure così non è stato.

Troppi infortuni, troppe assenze importanti. Il Milan ha perso la continuità delle sue pedine migliori, quelle che riuscivano a far pendere il gioco sempre dal lato della porta avversaria. Si è persa la continuità al gol, e persa quella, si fatica a trovare ogniqualvolta la vittoria.

Con l’eliminazione dall’Europa League rimane solo il campionato alla squadra di Pioli. Si spera che con i rientri dei vari infortunati si possa ritrovare una continuità nei risultati tale da assicurarsi quantomeno la qualificazione alla Champions League.