Pioli e l’insulto all’assistente di Solskjaer: “Spiace, ero arrabbiato”

Stefano Pioli torna sull’episodio che ha fatto tanto parlare dopo ieri sera, ovvero i presunti insulti a Ole Gunnar Solskjaer.

Pioli scuse
Stefano Pioli (©Getty Images)

Una delle questioni che ha fatto più parlare in queste ore è la reazione di Stefano Pioli al fischio finale di Milan-Manchester United di ieri sera.

Il tecnico rossonero, dopo la sconfitta che è costata l’eliminazione dall’Europa League, è uscito dal campo molto stizzito, proferendo anche qualche parolina non leggera.

In molti hanno pensato che gli improperi riferiti da Pioli vicino alle telecamere fossero diretti a Ole Gunnar Solskjaer, tecnico dello United. Ma poco fa il mister rossonero ha chiarito la faccenda.


Leggi anche:


Pioli contro Solskjaer: la verità del tecnico del Milan

Pioli ha raccontato all’ANSA ciò che è accaduto al fischio finale dell’arbitro Brich ieri sera a San Siro.

“Mi spiace per la reazione che ho avuto, non capiterà più. A Solskjaer ho fatto i complimenti, ero arrabbiato con il suo assistente”.

Pare dunque che Pioli non ce l’avesse con l’ex centravanti norvegese, al quale anzi ha stretto la mano al fischio conclusivo augurando l’in bocca al lupo per il proseguo del torneo.

L’allenatore parmigiano ha avuto invece una reazione stizzita verso uno dei suoi assistenti, che avrebbe urlando “Good team” a Pioli prima del rientro negli spogliatoi. Una dichiarazione breve ma che non è andata giù in quel momento al mister.

Pioli, che non ha mai reagito in maniera scontrosa anche nei periodi più difficili, si è così scusato per evitare di creare un caso mediatico, che farebbe più male al Milan che a lui stesso.