“Ibrahimovic, fallo su Pezzella nel primo gol”: la moviola di Marelli

L’ex arbitro Luca Marelli fa la moviola di Fiorentina-Milan e ritiene che Ibrahimovic abbia commesso fallo su Pezzella nell’azione del gol.

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Il Milan torna a vincere e riprende la propria corsa Champions League, dando anche uno sguardo allo Scudetto visto che l’Inter (con una partita in meno) adesso è a -6.

La squadra di Stefano Pioli ha vinto a Firenze contro la Fiorentina per 3-2. Un successo importante, ma non sono mancate alcune polemiche. Infatti, il dirigente viola Giancarlo Antognoni si è lamentato per due presunte irregolarità nel primo e nel terzo gol rossonero.


Leggi anche:


Moviola Fiorentina-Milan: parla Luca Marelli

Luca Marelli sul suo canale YouTube ha analizzato gli episodi da moviola di Fiorentina-Milan. A suo avviso sul primo gol rossonero c’è fallo di Zlatan Ibrahimovic su German Pezzella: «Nel momento in cui c’è il lancio di Kjaer, Guida guarda lui e non Ibra-Pezzella. Li vede successivamente al contatto avvenuto. Zlatan con mestiere si è preso un vantaggio sbilanciando l’avversario con una spallata piuttosto robusta. Il VAR non può intervenire perché non si tratta di una situazione che rientra nella soggettività. È un episodio interpretativo. Secondo me era un fallo da fischiare. Se l’arbitro avesse visto la spallata, probabilmente avrebbe fischiato prima ancora che si concretizzasse il gol. Il VAR non poteva intervenire, non era un chiaro ed evidente errore».

L’ex arbitro dice la propria opinione anche sul rigore chiesto dai viola al 30′ per presunto fallo di Brahim Diaz su Franck Ribery: «Guida è in posizione perfetta. C’è un leggero tocco sulla gamba destra di Ribery, che si lascia andare. Per quanto mi riguarda, io questi rigori non li voglio vedere mai. Sono contattini che portano a rigorini. Fischiarli significa avere 187 rigori come l’anno scorso. Se in Italia ci abituiamo a non fischiare mai in questi lievi contatti, vedrete che i giocatori faranno in modo di restare in piedi. Questi non sono mai penalty».

Ultimo episodio al 62′, quando Brahim Diaz cade in area avversaria dopo un contatto con Martin Caceres: «Non c’è assolutamente nulla. Al massimo l’infrazione è di Diaz, che colpisce Caceres con la coscia. Il difensore viola è in netto anticipo».