Calciomercato Milan, nuovo attaccante a 12 milioni!

Anche oggi è arrivata la conferma che serve un attaccante da affiancare a Zlatan Ibrahimovic. Attenzione alla pista Milik, che può lasciare il Marsiglia per soli 12 milioni di euro

Maldini e Ibrahimovic
Maldini e Ibrahimovic (© Getty Images)

Se non segna Zlatan Ibrahimovic il Milan fatica non poco ad andare a segno. Anche oggi, contro la Sampdoria di Ranieri, si sono visti tutti i limiti dell’attacco rossonero, che ha bisogno di un nuovo centravanti da affiancare allo svedese.

In questi ultimi giorni si è parlato tanto da Andrea Belotti e Dusan Vlahovic. Il centravanti italiano ha un contratto in scadenza il 30 giugno 2022 e senza rinnovo può diventare certamente un’opportunità di mercato. Andrà, inoltre, tenuta d’occhio la situazione in classifica del Torino, che è in piena lotta salvezza.

Dusan Vlahovic, non smette di segnare. Anche con il ritorno in panchina di Iachini, il centravanti serbo, ha lasciato il segno nel match contro il Genoa di oggi. Era andato in gol anche con la Serbia. In Serie A, con il centro al Marassi, sono adesso 13 e il suo prezzo continua a salire.

La Fiorentina per lasciare andare il suo centravanti classe 2000 vuole 40/50 milioni di euro. Il contratto scade nel 2023 e Commisso non ha dunque ancora fretta. Il prezzo è alto così come quello di Belotti, per il quale Cairo ne vorrebbe almeno 30.

Ci sarà tempo per capire su chi deciderà di puntare il Milan ma attenzione ad altre piste. Una di queste può portare ancora una volta in Ligue 1.


Leggi anche:


Conferme su Milik

Dalla Francia, arrivano conferme in merito alla possibilità che Milik può lasciare il Marsiglia per soli 12 milioni di euro. Una cifra decisamente alla portata del Milan, che con il polacco si porterebbe a casa un attaccante di sicuro valore che sa come si segna in Serie A.

E’ evidente che la cifra, davvero, bassa fa gola a parecchie squadre. In prima fila sembra esserci la Juventus, che deve fare i conti con i possibili addii di Cristiano Ronaldo e Dybala. Attenzione però anche alla Roma e al Siviglia.