Moviola Milan-Sampdoria, dubbi sul contatto Ibra-Augello | No comment da Irrati

I maggiori episodi da moviola del match di ieri tra Milan e Sampdoria, diretto dall’arbitro Piccinini non senza qualche ombra.

Ibrahimovic Augello
Ibrahimovic e Augello (©GettyImages)

Quella di ieri a San Siro tra Milan e Sampdoria non è stata certo una gara cattiva. Maschia, combattuta, ricca di momenti di pathos, ma sicuramente priva di situazioni nervose. Nonostante ciò i numeri dell’arbitraggio del signor Marco Piccinini dicono tutt’altro.

Come sottolinea il Corriere dello Sport nell’analisi della moviola, Piccinini ha fischiato 30 falli in partita. Ha estratto per sette volte il cartellino giallo ed una volta addirittura il rosso. Una direzione di gara evidentemente fiscale, forse figlia della paura di non sbagliare.

Detto ciò sono comunque pochissimi gli episodi da moviola da segnalare in Milan-Samp. In particolare però ci si riferisce ad uno scontro presunto in area di rigore blucerchiata che ancora oggi appare dubbio. Protagonisti Zlatan Ibrahimovic ed il terzino avversario Tommaso Augello.


Leggi anche:


Ibra-Augello, i dubbi restano. Giusto il rosso a Adrien Silva

L’episodio in questione risale al 43′ minuto del primo tempo. Un Milan timido si affaccia finalmente dalle parti dell’area di rigore blucerchiata, il pallone scorre verso il secondo palo e Ibrahimovic tenta l’affondo tallonato dal terzino Augello.

Il numero 3 della Samp cerca di anticiparlo allungando il piede ma mancando il pallone, Ibra si sente toccato e cade in piena area. L’arbitro Piccinini, forse impallato da altri giocatori, fa proseguire. Nessuno interviene, neanche dalla sala VAR, e l’azione prosegue.Restano dubbi sulla decisione: di certo Augello non colpisce Ibrahimovic in pieno, ma la sua scivolata mancata potrebbe aver sbilanciato con il piede di richiamo il movimento dell’attaccante.

Nessun dubbio sull’altro episodio da valutare. Adrien Silva viene espulso ad inizio ripresa per doppia ammonizione: scelta sacrosanta di Piccinini, che non sbaglia nell’ammonire il portoghese per una scivolata da tergo su Theo Hernandez e bissare sul fallo netto in ritardo su Castillejo.

Irrati alla DS non commenta l’episodio: “Il vero arbitro è in campo”

Irrati
Irrati alla DS

Nella serata di ieri l’arbitro toscano Massimiliano Irrati è stato ospite alla Domenica Sportiva. Proprio lui a San Siro aveva ricoperto il ruolo di addetto alla sala VAR. Tra l’altro Irrati è considerato a livello internazionale uno dei migliori nella valutazioni con l’on field review.

Il fischietto fiorentino ha però sorvolato sull’episodio Ibra-Augello di ieri, nonostante potesse essere chiamato in causa. Irrati si è limitato a commentare il ruolo del VAR: “Il vero arbitro, quello più bravo, è in campo. Noi alla VAR possiamo anche fare la siesta se l’arbitro lavora bene. Lui spreca energie fisiche, ma chi sta in postazione ne spreca molte a livello mentale”.