Donnarumma – Ordine: “Juve? E’ cambiato il mondo, hanno bisogno di cedere”

Franco Ordine su ‘Il Giornale’ fa il punto sul futuro di Gigio Donnarumma. Il noto giornalista mette nel mirino l’agente Mino Raiola e spiega le difficoltà che ha nel trovare un acquirente che offra più del Milan. Difficile un passaggio dell’estremo difensore campano alla Juventus o al Psg. Le sue parole

Gigio Donnarumma
Gigio Donnarumma (©Getty Images)

Tiene banco il futuro di Gigio Donnarumma. Il portiere campano ha un contratto in scadenza il prossimo 30 giugno. Il Milan, come raccontato, è in attesa di una risposta alla proposta da otto milioni di euro netti a stagione. Una proposta, che se considerati gli anni di contratto (cinque), porterebbe i rossoneri a sborsare circa 80 milioni di euro.

Una somma importantissima, in questo periodo di crisi, che però non ha ancora convinto Mino Raiola, che nel frattempo temporeggia in attesa di una proposta più alta (vorrebbe dodici milioni netti), che non arriva.

In tutta questa storia, come scrive Franco Ordine su ‘Il Giornale’, “Donnarumma resta muto come una marionetta. L’agente fa visita alla Juve per accreditare l’ipotesi di una trattativa. Che non trova riscontro dalle fonti accreditate né dai conti del club che deve, entro il 30 giugno, realizzare plus-valenze per 100 milioni dopo aver rinviato il pagamento degli stipendi arretrati del 2019. Spesso poi anche i media che si occupano di calcio-mercato contribuiscono ad accreditare quotazioni e cifre incompatibili con l’attuale condizione del calcio. È cambiato il mondo e fanno finta di non accorgersene“.

Il noto giornalista fa così un’analisi precisa sulla situazione attuale del calcio italiano e non solo. Le finanze della Juventus, che ha in rosa anche un portiere pagato 6,5 milioni di euro netti a stagione, che non è facile da cedere, non permetterebbero dunque un investimento superiore ai 100 milioni di euro per Donnarumma.


Leggi anche:


Niente Psg per Donnarumma

Ordine, nell’articolo, esclude, inoltre, il passaggio del giovane portiere al Psg: “Nel panorama europeo persino lo sceicco parigino (PSG) deve far di conto durante questa feroce crisi senza contare che Leonardo ha già fatto sapere a Paolo Maldini che non intende giocare questa partita. L’unica fortuna, al momento, di Donnarumma è che gli stadi sono chiusi”.