Elliott entra nel business dei vaccini: investimento nella GSK

Il fondo di investimento, proprietario del Milan, ha deciso di spingere un’azienda farmaceutica a puntare sui vaccini anti-Covid.

Paul Singer
Paul Singer (foto CNBC)

Non solo calcio o speculazioni finanziarie. Il fondo Elliott Management Corporation è pronto ad entrare da protagonista nella battaglia al Covid-19, cominciando ad investire soldi e sforzi sulla creazione di nuovi vaccini per sconfiggere il terribile virus.

La società anglo-statunitense, guidata da Paul Singer, è un cosiddetto fondo ‘attivista’. Come spiegato oggi da Calcioefinanza.it, Elliott di solito subentra ed investe in società che hanno titoli di mercato a ribasso e con una nuova strategia cerca di rilanciarne il valore, per poi rivedere le proprie quote in forma speculativa.

Proprio tramite questo intento e modalità, Elliott ha deciso di subentrare nella società farmaceutica britannica GlaxoSmithKline, meglio nota come GSK. Quote in perdita per la multinazionale del farmaco, che inoltre è rimasta indietro nella ricerca di vaccini contro il Coronavirus.


Leggi anche > Luis Fabiano svela: “Ero ad un passo dal Milan”


Come rivelato dal Financial Times, la società della famiglia Singer avrebbe investito diversi miliardi di sterline proprio in GSK, acquisendo una quota significativa della società. Una mossa dettata dalla forte delusione tra gli azionisti della società farmaceutica, dovuta dalla strategia non fruttuosa del ceo Emma Walmsley.

Troppo lenta la corsa al vaccino per questa multinazionale, dato che ha letteralmente fatto crollare il valore delle proprie azioni. Nel frattempo alcuni competitor come Astrazeneca o Pfizer, primi produttori di vaccini anti-Covid, hanno invece incrementato i propri ricavi ed il valore di mercato generale.

La missione di Elliott è quella di spingere la ricerca per il vaccino e provare a creare nuove strategie imprenditoriali per frenare il crollo delle azioni GSK. Possibile che si punti ad investire sul BioPharma ed a non abbandonare il business dei farmaci da banco.