Addio Milan | Dalla Spagna: Barcellona avanti ma c’è la Juve

Tra i calciatori che potrebbero lasciare il Milan la prossima estate c’è sicuramente Alessio Romagnoli. Il difensore ha un contratto in scadenza nel 2022 e il suo rinnovo è in alto mare. Ecco tutte le grandi squadre che lo vogliono

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©Getty Images)

Futuro tutto da scrivere per Alessio Romagnoli. Il centrale italiano classe 1995 anche stasera non dovrebbe giocare dal primo minuto. Il capitano rossonero ha ormai recuperato dagli infortuni, che lo hanno condizionato nell’ultimo periodo, ma rispetto al passato non c’è l’urgenza di mandarlo in campo. La coppia Fikayo Tomori-Simon Kjaer offre ampie garanzie ed è diventata di fatto quella titolare.

Un’ulteriore assenza contro il Sassuolo rafforzerebbe l’idea di un Romagnoli non più indispensabile per questo Milan. Nel frattempo continuano a rincorrersi le voci di un suo addio al termine della stagione. Le ultime novità arrivano dalla Spagna: secondo Fichajes.net, il classe 1995 non sarebbe contento in rossonero e intenzionato a cambiare aria.


Leggi anche:


Sfide tra big

Arrivano conferme in merito all’interessamento della Juventus, destinazione gradita al giocatore. I bianconeri devono fare i conti, con la situazione legata a Leonardo Bonucci e soprattutto Giorgio Chiellini, non più giovanissimi. Serve un nuovo centrale e l’idea di affidarsi nel ruolo a Romagnoli, sul taccuino dei bianconeri da anni, piace.

Il portale, però, sottolinea, che la squadra in pole per l’acquisto del classe 1995 sarebbe il Barcellona. Sulle tracce del giocatore ci sarebbero davvero i principali top club del calcio europeo: dal Tottenham al Psg, passando per il Manchester United.

Raiola decisivo

Un ruolo decisivo nella vicenda Romagnoli lo giocherà chiaramente il suo agente, Mino Raiola. Il procuratore italo-olandese, secondo gli ultimi rumors, lo avrebbe proposto alla Juventus: l’idea sarebbe quella di uno scambio, con un altro suo assistito, Federico Bernardeschi. L’esterno ha come Romagnoli un contratto in scadenza nel 2022 ma stipendio diverso (4,5 netti contro i 3,5 del centrale). Un fattore questo che non favorisce, di certo, la trattativa, che sembra essersi già arenata.

Nei prossimi giorni si capirà se ci sono i margini per un rinnovo, anche se i presupposti non sembrano essere dei migliori: gli ultimi rumors parlano di una richiesta di ben 6 milioni di euro netti a stagione.