Maldini e Gazidis, da Rangnick alla Superlega: nuove tensioni?

Maldini contrario al progetto della Superlega, del quale non era stato informato né da Gazidis né dalla proprietà Elliott. Nuovo scontro dentro la società?

Ivan Gazidis Paolo Maldini
Ivan Gazidis e Paolo Maldini (©Getty Images)

Potrebbero esserci nuovi malumori all’interno della società Milan. Quanto successo nella vicenda Superlega rischia di aver generato nuove tensioni tra Paolo Maldini e Ivan Gazidis.

I due dirigenti erano in grande disaccordo un anno fa quando l’amministratore delegato trattava l’arrivo di Ralf Rangnick, nonostante la leggenda rossonera fosse contrario e si sentiva scavalcata nel suo ruolo di capo dell’area sportiva. Proprio i contatti con il manager tedesco avevano portato Zvonimir Boban a sbottare contro Gazidis e farsi licenziare. È servito tempo per ritrovare serenità e buoni rapporti dentro la dirigenza.


Leggi anche:


Gazidis non ha informato Maldini della Superlega

Maldini nel pre-partita di Milan-Sassuolo ha dichiarato di non essere stato coinvolto nelle discussioni sulla Superlega. Ha scoperto tutto domenica sera quando è stato emesso il comunicato ufficiale dei club sulla nascita di tale competizione.

Gazidis né la proprietà Elliott, che ovviamente ha dato il via libera all’AD, hanno informato Paolo di quanto stava succedendo. Sicuramente Paolo non l’ha presa bene, considerando il ruolo che ha al Milan e ciò che rappresenta nella storia del club.

L’attuale direttore tecnico rossonero è arrivato a scusarsi con i tifosi milanisti e anche delle altre squadre, mostrando contrarietà al progetto della Superlega e lanciando delle frecciate a chi ha provato ad attuarlo: «Al Milan abbiamo sempre rispettato i principi dello sport. Nel 2021 sappiamo che ricavi e sostenibilità sono importanti. Possiamo prendere un insegnamento da questa vicenda, chiedendoci fino a che punto possiamo spingerci. Sicuramente non vanno cambiati i principi dello sport fatti di meritocrazia e sogni aperti a tutti».

Maldini ha bocciato la Super League. La Gazzetta dello Sport spiega che con Gazidis sarebbero anche volate parole grosse ieri pomeriggio, ma dal Milan hanno smentito confermando che esiste una comunione di intenti solida nel club. E lo stesso Stefano Pioli nel post-partita di San Siro ha affermato che non esiste alcuna crepa interna.

In realtà le parole di Paolo facevano trasparire amarezza per tutta la vicenda. A Sky Sport lo si è visto sicuramente non felice di quanto successo ed è chiaro che non condivide il progetto al quale Gazidis ha lavorato, con l’ok di Elliott, assieme ad altri club.