Clamoroso in Germania: Bayern, 25 milioni per il nuovo allenatore!

Nonostante i tempi di crisi il Bayern Monaco ha deciso di investire una cifra enorme per ingaggiare il nuovo allenatore per la prossima stagione.

Karl Heinz Rummenigge
Karl Heinz Rummenigge (©Getty Images)

Alla faccia della recessione economica per la pandemia. Il Bayern Monaco, uno dei club più ricchi e potenti del mondo, non bada a spese per il proprio progetto tecnico ed è pronto ad investimenti importanti anche dopo l’uscita dalla Champions League.

Ma stavolta i bavaresi non spenderanno cifre importanti per accaparrarsi campioni affermati o giovani talenti. Bensì è pronto un maxi-investimento per il nuovo allenatore. C’è infatti da sostituire Hansi Flick, il tecnico del triplete dello scorso anno che ha già annunciato l’addio a fine stagione.

Flick sostituirà molto probabilmente Joachim Löw sulla panchina della Nazionale tedesco dopo gli Europei. Ed il Bayern ha già scelto chi prenderà il suo posto: il giovane ed apprezzatissimo Julian Nagelsmann, attuale allenatore del Lipsia.


Leggi anche > Pioli contestato: tifosi arrabbiati sui social


Come riportato dalla Bild, il Bayern Monaco è pronto ad investire ben 25 milioni di euro solo per strappare Nagelsmann dalla squadra targata Red Bull. Il tecnico 33enne ha infatti una clausola rescissoria che gli permetterà di svincolarsi dal Lipsia.

I 25 milioni di clausola spaventerebbero chiunque. Non la società guidata da Karl-Heinz Rummenigge, che ha deciso di puntare ciecamente su Nagelsmann e dunque spendere tale cifra, decisamente fuori mercato per l’ingaggio di un allenatore.

Nagelsmann
Julian Nagelsmann (©Getty Images)

Per il tedesco è pronto un ricco contratto quinquennale e la promessa di un mercato estivo tutt’altro che sotto tono. Non a caso il Bayern si è già assicurato il cartellino di un suo pupillo, il difensore Dayot Upamecano, strappato al Lipsia per 42 milioni.

Dunque un’altra panchina ‘big’ d’Europa è sistemata. Il profilo di Nagelsmann un anno fa fu persino accostato, seppur per pochissimo tempo, alla panchina del Milan. In particolare quando si vociferava dell’arrivo di Ralf Rangnick come futuro direttore dell’area tecnica.