Donnarumma, rinnovo ancora incerto: quando arriverà la decisione

La stagione si avvicina verso il termine e tra non molto verrà chiarito il futuro di Donnarumma. Il Milan spera nel rinnovo, ma parti lontane.

Gianluigi Donnarumma
Gianluigi Donnarumma (©Getty Images)

La telenovela riguardante il rinnovo di Gianluigi Donnarumma va avanti. Difficile prevederne l’esito, a questo punto può veramente succedere di tutto.

Il Milan ha messo sul tavolo un grande sforzo facendo un’offerta da 8 milioni di euro (7+1), bonus compresi. Un aumento rispetto all’attuale ingaggio, già altissimo, da 6 milioni. Nonostante questa proposta assolutamente importante, Mino Raiola continua a chiedere oltre 10 milioni netti a stagione e dunque l’accordo resta lontano.


Leggi anche:


Rinnovo Donnarumma: le ultime news da Sportmediaset

Oggi Sportmediaset conferma che Raiola ha chiesto 10 milioni più 2 di bonus per il rinnovo di Donnarumma. La Juventus è in agguato, ma deve vendere prima Wojciech Szczesny per poi pensare di fare un investimento sull’attuale portiere del Milan. Attenzione anche a un’eventuale addio di Cristiano Ronaldo, che potrebbe liberare delle risorse per il club bianconero.

Il giornalista Claudio Raimondi spiega che il futuro di Donnarumma potrebbe essere deciso tra fine campionato e l’inizio dell’Europeo. Ovviamente il Milan spera di arrivare a una soluzione positiva quanto prima. Sta facendo ogni sforzo economico possibile per confermare l’estremo difensore campano.

La società rossonera deve valutare anche aspetti legati al bilancio. Con o senza Champions League le prospettive cambiano. Inoltre, Gigio percepisce già uno stipendio altissimo e può essere aumentato fino a un certo limite. La cifra pretesa di Raiola è assolutamente esagerata e se non dovesse diminuire, l’accordo non si farà.

Paolo Maldini e Frederic Massara auspicano di non perdere Donnarumma a parametro zero. Sarebbe un brutto colpo per il Milan veder partire gratis un portiere di tale valore, considerando anche che è stato cresciuto e lanciato dal club rossonero.

Delle responsabilità da parte del management rossonero non mancano in questa situazione, però con un’offerta da 8 milioni (bonus inclusi) il mirino va rivolto verso l’altra parte. Se maturerà il divorzio, è a causa dell’irriconoscenza e dell’avidità di Donnarumma e di Raiola.