CorSera – Milan, Donnarumma scosso: futuro segnato?

L’effetto del confronto duro tra Donnarumma e la tifoseria milanista non sembra essere stato così positivo per il portiere.

Gianluigi Donnarumma
Gianluigi Donnarumma (©Getty Images)

La notizia più rilevante del weekend appena trascorso in casa Milan non è tanto la vittoria ritrovata contro il Benevento. Bensì il confronto diretto che sabato mattina è avvenuto ai cancelli del centro sportivo di Milanello.

Una parte della tifoseria milanista, in particolare dei gruppi ultras, ha incontrato Gianluigi Donnarumma. L’intenzione dei tifosi era quella di far capire al portiere di dover essere chiaro riguardo al proprio futuro e di finirla col teatrino legato al suo rinnovo.

I supporter, anche con toni non proprio quieti, hanno chiesto a Gigio di rinnovare con il Milan. Altrimenti avrebbe dovuto fare un passo indietro e restare fuori nella gara di domenica prossima contro la Juventus. Una situazione limite che ha particolarmente scosso il portiere.


Leggi anche:


Maldini protegge Donnarumma, ma l’addio è dietro l’angolo

Come scrive oggi il Corriere della Sera, Donnarumma sarebbe stato molto turbato dopo il recente confronto con la frangia della tifoseria di sabato. Il classe ’99 sa di avere ora le spalle al muro con l’ambiente, anche se la situazione era intricata e discutibile già da prima.

Gigio ha ammesso di voler restare al Milan e di essere legato ai colori rossoneri, ma senza una firma sul rinnovo (con tanto di proposta da 8 milioni netti) le parole restano vane. Da qui la contestazione diretta dei tifosi, che gli hanno fatto capire di non tergiversare ancora troppo.

Paolo Maldini ha fatto da scudo. Nella giornata di ieri il direttore dell’area tecnica milanista si è espresso così: “Nessuno al di fuori del Milan può decidere chi gioca e chi rinnova. Certe scelte competono all’allenatore per quanto riguarda il campo e al club per le questioni contrattuali. Da questo momento ogni singola trattativa per i rinnovi viene congelata fino alla fine della stagione, per permettere alla squadra di concentrarsi unicamente sul campionato”.

Paolo Maldini (foto AC Milan)

Se ne riparlerà dunque a fine campionato, dopo Atalanta-Milan. Ma nel frattempo Donnarumma appare sempre più lontano dal rinnovo. La frattura con l’ambiente sembra a questo punto insanabile, al contrario del 2017. Quattro anni fa, dopo la contestazione dura, il portiere scelse di seguire l’istinto e il cuore e rinnovò il contratto.

Il Milan si deve preparare ad un addio doloroso. A meno di colpi di scena o ripensamenti vari, Donnarumma sembra sempre più vicino a cambiare aria. Anche se la sua futura destinazione resta un mistero.