Bivio Donnarumma: ma davvero la Juve è meglio del Milan?

Donnarumma di fronte ad un bivio. Il portiere è chiamato a scegliere se continuare a giocare con la maglia del suo Milan o sposare un nuovo progetto, quello della Juventus

Gianluigi Donnarumma
Gianluigi Donnarumma (© Getty Images)

Domenica a Torino è in programma Juventus-Milan, praticamente una finale. Vincere significherebbe avvicinarsi sensibilmente al traguardo Champions League. Tutti sappiamo cosa possa voler dire tornare a giocare la competizione più importante d’Europa: non solo prestigio, arrivare tra i primi quattro posti significherebbe cambiare totalmente una programmazione.

La Champions League, inoltre, potrebbe davvero cambiare il futuro di Gianluigi Donnarumma. In questi giorni non si fa altro che parlare di questo e stando alle ultime notizie, che leggiamo su tutti i media, appare veramente così. Allo stesso tempo, appare chiaro, anche, che l’estremo difensore si trovi di fronte ad un bivio: Milan o Juventus.

Solo Milan vs Juve

Ad oggi, infatti, non sembra che ci siano altre squadre che abbiano intenzione di puntare sul portiere italiano, alle cifre di Mino Raiola, anche perché i top club hanno tutti un portiere di livello mondiale. Oltre al Milan, dunque, per l’agente italo-olandese e il suo assistito non resta che il club bianconero.

In queste ore tutti noi ci stiamo chiedendo perché Donnarumma dovrebbe decidere di lasciare la squadra, per cui fa il tifo, che ama tanta, in cui è coccolato da tutti, dal magazziniere al presidente, per il ‘nemico’ bianconero. Può davvero essere tutto solo questione di soldi?

Non siamo nelle condizioni di rispondere ma di solito (così dicono procuratori e calciatori) si guarda soprattutto al progetto. Ma è sotto gli occhi di tutti che la Juventus, club preso ad esempio per anni, oggi, non sia più la stessa. Il progetto del Milan, che con l’arrivo di Pioli ha mostrato degli evidenti passi in avanti, ricucendo il gap proprio con i bianconeri, che sistematicamente chiudevano la stagione con circa 20 punti di vantaggio, è sotto gli occhi di tutti.

Ci sono ancora tante cose da sistemare ma ne sono state fatte tante altre buone, che hanno portato il Milan a chiudere il girone di andata al primo posto. Non staremo qui a sottolineare come sia cambiato il club rossonero, dall’arrivo di Elliott, di Gazidis e Maldini, perché è davvero evidente.

Sarebbe, però, curioso e forse anche un po’ inaspettato vedere partire Donnarumma proprio adesso. Anche perché Gigio aveva firmato durante la gestione cinese, quando tutto era poco chiaro e dall’altra parte la Juventus continuava a vincere in Italia e sognava di trionfare in Europa.


Leggi anche:


Progetto Juve

Oggi in casa bianconera sono più i dubbi che le certezze: anche il presidente Agnelli è stato messo in discussione, così come tutta la dirigenza, da Paratici a Nedved. Per non parlare dei calciatori: Buffon, Bonucci e Chiellini sono ormai alla fine di un ciclo; Cristiano Ronaldo è stanco di non vincere e vuole scappare via. Dybala ha un contratto in scadenza nel 2022 e un accordo non è stato ancora trovato; Morata, invece, potrebbe non essere riscattato.

Ma la lista dei ‘problemi’ in casa Juventus, senza parlare dei bilanci in rosso o di Andrea Pirlo, è davvero lunga: i bianconeri si ritrovano a fare i conti con contratti pesanti di giocatori che non hanno aiutato a crescere il progetto. Ramsey e Rabiot, guadagnano più di 7 milioni di euro netti a stagione, la Juventus vorrebbe liberarsene ma non sarà così facile.

Non sarà facile nemmeno cedere Szczęsny che percepisce tanto, 6,5 milioni netti a stagione. Come detto le grandi squadre sono già ampiamente sistemate e vederlo in rosa insieme a Donnarumma, che dovrebbe percepire 12 milioni netti a stagione, appare davvero complicato. Senza dimenticare che anche Perin dalla prossima estate tornerà a vestire il bianconero.

Ad oggi dunque i dubbi sulla Juventus non sono pochi. Ma siamo certi, che Raiola che ha sempre voluto il bene per i suoi assistiti e quindi anche per Donnarumma lo saprà bene. Non abbiamo alcun dubbio che alla fine sceglierà il progetto migliore.