De Jong: “Mi rivedo in Kessie. Tornerei al Milan anche gratis”

Intervista a Nigel de Jong, il centrocampista olandese che ha giocato nel Milan per diverse stagioni anche come capitano.

Nigel de Jong
Nigel de Jong (©Getty Images)

Il quotidiano sportivo La Gazzetta dello Sport ha intervistato oggi una bandiera milanista di qualche anno fa. Un calciatore di spessore che si è ritrovato a guidare il centrocampo del Milan in un periodo storico forse non troppo esaltante.

Si tratta di Nigel de Jong, mediano olandese che ha indossato la casacca rossonera tra il 2012 ed il 2016. Oggi gioca invece in Qatar, nelle fila del’Al-Shahaniya. Il roccioso centrocampista ha voluto ricordare la propria esperienza dalle parti di San Siro.

Queste le sue parole: “Per me fu un sogno arrivare al Milan. Un club importante in cui avevano giocato alcuni grandi olandesi, come Gullit, Rijkaard e Van Basten. Peccato che non fu un periodo esaltante, non riuscimmo a vincere trofei. Ma porto con me un ricordo sempre positivo e bei momenti”.


Leggi anche > Calabria ed i paragoni con il vino: “Ibra? Un Barolo”


Ricordo piacevole anche nei confronti di Silvio Berlusconi: “Una persona corretta e molto rispettosa. Ricordo che arrivava a Milanello con l’elicottero e dovevamo interrompere l’allenamento. Ma lui voleva poi parlare con tutti noi, spronarci. Non parlava sempre di calcio, cercava di farci divertire”.

Giudizi sul Milan di oggi: “Squadra giovane e di talento. Mi rivedo in Kessie, ha gamba e qualità. Anche Bennacer mi piace per come comanda il gioco. Ritorno al Milan? Magari, io sono pronto. Se mi chiamano sono disposto anche ad allenare i giovanissimi gratis”.