Mandzukic annuncia l’addio: “Milan, è stato un piacere”

Post su Instagram per Mario Mandzukic. L’attaccante croato ha voluto ringraziare il Milan per l’opportunità ricevuta. Un messaggio davvero d’addio

Mario Mandzukic
Mario Mandzukic (© Getty Images)

Parole dal sapore di addio per Mario Mandzukic. L’attaccante croato ha voluto ringraziare il mondo Milan per avergli dato la possibilità di indossare i colori rossoneri.

“È stato un piacere giocare per il Milan – scrive su Instagram l’ex Juventus – Sono grato al club per avermi dato l’opportunità, allo staff tecnico e ai miei compagni di squadra che non sono solo ottimi giocatori ma un grande gruppo di ragazzi. Sono felice che siamo riusciti a riportare questo fantastico club in Champions League. Auguro a tutto il club il meglio per il futuro”.

Il contratto di Mandzukic scadrà il prossimo 30 giugno e ormai appare davvero impossibile un suo prolungamento.


Leggi anche:


Addio scritto

Un addio quello di Mario Mandzukic, che era nell’aria, ormai da tempo. L’attaccante classe 1986, arrivato durante il calciomercato di gennaio, ha deluso le attese, non riuscendo a dare alcun contributo alla causa. Con Mandzukic, dunque, prosegue la maledizione della maglia numero 9: l’ex Juventus, pesantemente condizionato dagli infortuni e da uno stato di forma davvero precario, ha collezionato solamente 287 minuti, frutto di dieci presenze.

Solo due volte Mandzukic è partito dal primo minuto, contro la Stella Rossa, in Europa League, e con la Lazio, all’Olimpico, poi tanti spezzoni di gara, in cui non è riuscito a lasciare il segno. Mandzukic ha collezionato due cartellini giallo e zero gol. Ieri è subentrato all’81’: l’attaccante ha lottato su ogni pallone, dimostrando di tenere alla maglia ma la prossima stagione sarà qualcun altro a provare a dare una mano a Zlatan Ibrahimovic.

In questi ultimi giorni si sta tanto parlando soprattutto di tre profili: Olivier Giroud, che si appresta a lasciare il Chelsea, Andrea Belotti e Dusan Vlahovic. Per l’attaccante del Torino, con un contratto in scadenza nel 2022, serve un’offerta sui 25-30 milioni di euro. Per il serbo, invece, potrebbero non bastarne 50. I prossimi giorni, una volta risolta la questione legata ai rinnovi, si farà chiarezza anche sul nuovo attaccante.