Scaroni sul Milan: “Risultati sopra le aspettative. Maldini grande manager”

Paolo Scaroni ha parlato successivamente anche del Milan e dei risultati raggiunti dalla squadra di Pioli nell’ultima stagione.

Scaroni e Maldini
Paolo Scaroni e Paolo Maldini (©Getty Images)

Sempre nella giornata odierna, Paolo Scaroni ha rilasciato altre dichiarazioni all’evento organizzato dal Foglio Sportivo. Il presidente del Milan si è espresso anche sui risultati della squadra rossonera e sulla qualificazione alla Champions League.

Un traguardo quasi insperato secondo le considerazioni del presidente: “Siamo particolarmente contenti delle qualificazioni Champions sia della squadra femminile che della maschile, che vi torna dopo anni di assenza.  Avevamo prudentemente stilato un budget per il sesto posto, per l’Europa League. E invece siamo riusciti a fare meglio, sopra le aspettative”.

Il momento in cui Scaroni ha capito che il Milan aveva una marcia in più: “Il girone di andata ci ha fatto vedere un Milan forte, che aveva la possibilità di fare un passo in avanti. Abbiamo vissuto momenti difficili, ma il traguardo è stato raggiunto con cuore e impegno”.


Leggi anche > Scaroni sullo stadio: “Necessario, San Siro è obsoleto”


Grandi elogi arrivano da Scaroni per i suoi uomini di rilievo, ovvero mister Stefano Pioli e Paolo Maldini: “Non voglio commentare singole prestazioni, il Milan di Pioli ha fatto grandi cose con una squadra composta da giovani, creando gioco e risultati. Tutto costruito assieme a Maldini. Lui sta diventando un manager di livello internazionale”.

I meriti del secondo posto finale: “Tutti hanno grandi meriti, questo è il concetto di team. Maldini, Pioli, Gazidis, a cui dobbiamo il merito del progetto giovani. Tutti hanno lavorato per il bene del Milan in unità e senza alcun intoppo”.

Infine una battuta sul caso Donnarumma: “Il Milan non dà lezioni a nessuno, seguiamo la nostra strategia ed i nostri interessi, anche economici. Non ho altro da aggiungere rispetto alle parole di ieri di Maldini. La sua linea è anche la mia”.