Ordine: “Vi spiego perché il Milan non ha venduto prima Donnarumma”

Franco Ordine a Tutti Convocati, su Radio 24, ha parlato della questione Donnarumma. “Improbabile un suo trasferimento alla Juve”

Donnarumma
Donnarumma (©Gettyimages)

E’ intervenuto ai microfoni della trasmissione radiofonica “Tutti Convocati” Franco Ordine. Il noto giornalista, molto vicino all’ambiente di Milanello, ha parlato inevitabilmente anche della questione Donnarumma. Una buona parte di tifosi non ha preso bene la decisione del Milan di lasciarlo andare in scadenza; non perché legati al ragazzo ma perché si tratta di una grave perdita dal punto di vista economico. Ecco perché si “critica” la dirigenza per non averlo venduto prima.

In merito a questo, Ordine ha spiegato: “A chi chiede perché il Milan non abbia mai ceduto Gigio prima, la risposta è che nessuno si è presentato alla porta di Gazidis chiedendo Donnarumma, altrimenti gliel’avrebbero portato con la carrozza“. 


Leggi anche:


Ordine: “Donnarumma alla Juve? Improbabile”

Un’idea che è rimbalzata spesso tra gli addetti ai lavori del Milan, sia tra la società che in tutto l’ambiente rossonero. La sensazione è sempre stata che il Milan di offerte per Donnarumma non ne abbia mai ricevute di concrete. Un altro motivo probabilmente per il quale la diatriba “rinnovo” si è prolungata fino all’inverosimile. Ne è sicuro Francesco Ordine, che a Radio 24 è intervenuto sostenendo che Gazidis avrebbe accolto a braccia aperte un’offerta per il portiere, per ricavare delle entrate.

Una sensazione che si respira tuttora, visto che Gigio è di fatto “free agent” e nessuna squadra si è fatta sotto con le pretese che avevano avuto il calciatore e il suo entourage nei confronti del Milan. Tutti i top club sono ben coperti tra i pali, e la grandissima valutazione dell’ex numero 99 è quasi proibitiva. Anche in chiave Juventus, Ordine ha parlato di trattativa improbabile, ancora di più con l’arrivo di Allegri: “L’arrivo di Allegri rende ancora più improbabile il trasferimento di Donnarumma alla Juve, oltre alla cessione di Szczesny, con quello che guadagna“.